Se vuoi cambiare quello che sei, cambia le azioni che fai!

Puoi cambiare ogni cosa nella tua vita. Basta volerlo. Perché alla fine, se una cosa la vuoi, un modo lo trovi, se non la vuoi, trovi una scusa (proverbio africano).

Nel corso base di Allena-Mente POWER (l’iscrizione è gratuita) proponiamo al lettore un semplice percorso (semplice ma efficace se si è onesti con se stessi) in cinque passi. Il primo fra tutti è: Camminare.

Tuttavia questo post non vuole trattare del contenuto di Allena-Mente. E di che parliamo allora? Parleremo esclusivamente del bene che possa farti una camminata di mezz’ora! Quindi alzati dalla sedia e comincia a sgambettare… ALT! Aspetta! Leggi il post prima!

Non c’è tristezza che, camminando, non si attenui e lentamente si sciolga -Romano Battaglia, Foglie, 2009-

E non parleremo del bene che possa fare al nostro fisico. Quella è una ovvia conseguenza. Parleremo del miracolo che avviene nella nostra calotta cranica durante l’esercizio.

MENTE E CORPO: UN UNICO CIRCUITO

Negli ultimi decenni la scienza ha dimostrato come la mente sia strettamente collegata al corpo. Il corpo parla con la nostra cabina di pilotaggio e viceversa. Fai una prova: se sei triste inizia una qualsiasi attività dove il corpo è costretto a muoversi piuttosto che farti immobilizzare dalla noia, cosa succede? La tristezza scompare, si dissolve perché anche la mente comincia a muoversi. Fai la prova al contrario ora: se stai oziando sul divano e non hai proprio voglia di alzarti, fai tre respiri profondi, concentrati sull’aria che entra e esce dalle tue narici e inizia a visualizzare nella mente l’immagine di te che cammina su una spiaggia. Senti i piedi nudi sprofondare nella sabbia e poi bagnarsi sul bagnasciuga. Senti il vento che ti soffia sulla pelle. Aumenti la velocità e quasi stai correndo… Mbè? Non ti è venuta voglia di alzarti?

Bisogna mantenere il vigore del corpo per conservare quello della mente  -Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746-

La nostra attività cerebrale è fortemente influenzata dai segnali che le arrivano dal corpo e da quelli che produciamo mediante la visualizzazione (di questi ultimi ne parleremo in uno dei prossimi post). Ogni istante il nostro cervello è bombardato dagli impulsi elettrici che i nostri cinque sensi gli inviano. Quando iniziamo a camminare anche la nostra mente inizia a camminare.

SINTONIZZATI…

Dopo 20 minuti di camminata è come se accendessi una ricetrasmittente. Come se un’antenna cominciasse a captare segnali altrimenti impossibili da percepire. Ti sintonizzerai con la parte più profonda di te, in senso spirituale, quella parte collegata al tutto. Un consiglio? Portati sempre qualcosa su cui appuntare le idee che fioriranno. Dopo di ché, armati di fiducia e cerca di portarle a termine concretizzandole sul piano fisico. Ricordati: sei uno strumento attraverso il quale l’universo si espande, si manifesta e fa esperienza di sé. Puoi pensare che le idee siano tue, in realtà la fonte è la stessa che fa battere il tuo cuore senza che tu te ne preoccupi.

Dopo circa 20 minuti di camminata il nostro cervello aumenta la sua attività cerebrale, ossia aumenta la propria capacità creativa. Hai mai sentito parlare di gente che per risolvere un problema ha bisogno di camminare? Gli inventori, i ricercatori, gli scrittori, i musicisti… sono tutte persone che camminano! o fanno qualsiasi attività fisica per mantenere viva questa creatività.

E quando aumenta la creatività cosa succede? Diminuisce il livello di cortisolo nel nostro organismo (l’ormone dello stress), di conseguenza raggiungiamo uno stato di vero benessere, ci sentiremo pieni di iniziativa e motivati nel perseguire i nostri obiettivi.
Insomma: se cammini non puoi essere triste!

“I cieli stessi girano attorno di continuo, il sole sorge e tramonta, stelle e pianeti mantengono costanti i loro moti, l’aria è in perpetuo agitata dai venti,  le acque crescono e calano…per insegnarci che dovremmo essere sempre in movimento” (Robert Burton)

Ma la cosa fantastica dopo tutto quello che abbiamo detto sai qual è? Puoi camminare ovunque ti trovi, in città, in montagna, al mare, in collina….  e per di più senza tirare fuori un euro! E come sai, le cose più belle sono quelle che il denaro non può comprare!

 Ti auguro una buona settimana 🙂
cristiano mocciola blog

Rimani aggiornato con il blog!

Tagged with: ,
Pubblicato su crescita personale, mente & corpo
2 comments on “Se vuoi cambiare quello che sei, cambia le azioni che fai!
  1. Violetta Fiordaliso ha detto:

    Certo , é pieno di ottimi consigli, semplici ma veri come dovrebbe essere la vita di tutti se non fossimo stati schiavizzati dal sistema mondiale! Matrix é piena realtà.

Fammi sapere qui se ti è piaciuto, Grazie

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Mi presento…
Essere Felici Blog - Cristiano Mocciola

Ciao, sono Cristiano e voglio darti il benvenuto su Essere Felici Blog [MENTE|CORPO|SPIRITO]

Gratis per te
⇓ RISORSE DEL BLOG ⇓
Pubblicità
Seguimi su Twitter
⇓ da leggere ⇓

Che cosa hanno imprese internazionali come Apple, Google, Ikea o il macellaio italiano Dario Cecchini che la vostra azienda non ha? Le P tradizionali come prezzo, promozione, pubblicità, posizionamento e altre che gli uomini di marketing usano da tempo non funzionano più. Oggi, all'elenco, c'è da aggiungere un'altra P: quella di Purple Cow, la Mucca Viola. Che non è una funzione di marketing cui ricorrere a prodotto finito. La Mucca Viola spicca tra le tante marroni, è qualcosa di fenomenale, inatteso, che è dentro il prodotto. L'autore vi spiega come mettere una Mucca Viola in tutto ciò che fate e in tutto ciò che create, per sfornare prodotti che siano "degni di marketing".