Se fosse l’ultimo giorno della tua vita…

… cosa cambieresti? Cosa faresti? Che senso daresti all’avventura che sta per finire?

SCARICA/STAMPA L’ARTICOLO IN FORMATO PDF

Spesso e facilmente veniamo travolti letteralmente dalle nostre quotidianità che perdiamo di vista noi stessi. Gli obiettivi giornalieri diventano: svegliarsi, sistemarsi per uscire, sistemare anche la prole nel caso, andare a lavoro, lavorare, uscire dal lavoro, fare la spesa, preparare cena, parlare con il partner, uscire ogni tanto per distrarsi… mmm obiettivi presuntuosi direi!

SCEGLI DI RALLENTARE… FERMATI… OSSERVA

foto.PNGQuello che cerchiamo riempendo la nostra vita con queste attività è qualcosa che ci faccia sentire vivi ma a lungo andare, queste cose, riescono ancora a farci sentire vivi? Il mondo corre veloce e se cerchi di mantenere il suo ritmo ti perdi tutto il bello che c’è. Hai mai provato a fermarti e a osservare?

Per una volta nella vita dovresti provare a sederti su di una panchina, la mattina presto. Magari la panchina di qualche fermata d’autobus o metro della tua città. Scegli un giorno per non andare a lavoro e abbandonare il più possibile il resto delle attività che di solito fai. Dedica quel giorno per osservare e basta. Cosa accade? Una volta che gli obiettivi della giornata sono stati cancellati ti ritrovi solo con te stesso mentre il mondo continua la sua corsa. Ma per cosa corre?

La vita intera è una grande barzelletta cosmica – Osho

La mancanza di un obiettivo porta la mente a ripiegarsi su se stessa e a creare problemi, ed ecco che potresti iniziare a chiederti che cosa diavolo sto facendo? ma che senso ha? sono felice ora che non so cosa fare? sono un irresponsabile? sono più libero? E potresti arrivare anche a porti la DOMANDA delle domande: qual è il significato della vita? Che senso ha questo affannarsi?

Di certo non sarò io a dare una risposta… anche perché, a parere mio, l’unica risposta possibile è questa: la vita è amore… ama la vita, ama gli altri ma soprattutto ama te stesso! Comunque…

Posso dirti che mi sono posto queste domande diverse volte, diverso tempo fa, e sono giunto a una mia conclusione: le domande che cercano un senso non hanno senso e fanno solo perdere tempo… e in molti casi creano angosce inutili!

LA VITA VA GODUTA, NON COMPRESA

Non è che la nostra mente sia limitata per dare risposta a domande simili, semplicemente, la risposta a queste domande non risolve un bel niente e troppo tempo si è già perso nella storia per giungere a una soluzione che non c’è. Una volta che accettiamo la vita come un tempo limitato che ci è stato gentilmente concesso per stare bene e fare stare bene il nostro prossimo, le cose cambiano. La vita non è una competizione, non è collezionare trofei, non è soccombere sotto stili di vita proposti che ci allontanano dal nostro progredire.

“Ogni essere umano, nel corso della propria esistenza, può adottare due atteggiamenti: costruire o piantare. I costruttori possono passare anni impegnati nel loro compito, ma presto o tardi concludono quello che stavano facendo. Allora si fermano, e restano lì, limitati dalle loro stesse pareti. Quando la costruzione è finita, la vita perde di significato. Quelli che piantano soffrono con le tempeste e le stagioni, raramente riposano. Ma, al contrario di un edificio, il giardino non cessa mai di crescere. Esso richiede l’attenzione del giardiniere, ma, nello stesso tempo, gli permette di vivere come in una grande avventura.” – Paulo Coelho

ROMPI GLI SCHEMI

Questo non è un suggerimento. Odio i consigli come immagino li odi tu. Ma questo è quello che ho detto e ripetuto a me stesso per liberarmi dalle catene che avevo accettato e scrollarmi di dosso tutte le finte verità che il mondo mi voleva far credere: fa della tua vita ciò che più ti piace perché nessuno è sceso dal cielo per dirci quante ore è giusto lavorare, quale mese dobbiamo andare in vacanza, quanti figli dobbiamo avere, e via dicendo. Ribellati agli schemi preconfezionati e definiscine uno tuo. Le convenzioni possono e devono essere abolite, soprattutto se a rimetterci sono i nostri sogni. Decidi ORA di vivere e non di sopravvivere. Non preoccuparti di ciò che pensa la gente sul tuo conto. Sbaglierà sempre. E non preoccuparti neanche di come andrà a finire: da questa vita non ne uscirai vivo! Usa il presente per costruire un nuovo e migliore futuro. Per le tue scelte usa il cuore, l’amore, non la paura.

E ora ti lascio con due sorprese:  la prima sorpresa è lo spezzone di un film (Guida galattica per autostoppisti) dove finalmente, un megacomputercervellone ci darà risposta alla domanda fondamentale: che senso ha la vita? (Non so se ti piacerà la risposta 😀 ). L’altra sorpresa è una poesia di David Weatherford.  Potrebbe aiutarti a trovare il coraggio per scardinare le convenzioni a cui potresti essere sottoposto. Buona visione e buona lettura 🙂

– Danza lenta –

Hai mai guardato i bambini in un girotondo?
O ascoltato il rumore della pioggia quando cade a terra?
O seguito mai lo svolazzare irregolare di una farfalla?
O osservato il sole allo svanire della notte?
Faresti meglio a rallentare.
Non danzare cosi veloce.
Il tempo è breve.
La musica non durerà.

Percorri ogni giorno in volo?
Quando dici “Come stai? ”
Ascolti la risposta?
Quando la giornata è finita ti stendi sul tuo letto
Con centinaia di pensieri molesti che ti passano per la testa?
Faresti meglio a rallentare.
Non danzare cosi veloce.
Il tempo è breve.
La musica non durerà.

Mai detto a tuo figlio, lo faremo domani?
Senza notare nella fretta, il suo dispiacere?
Mai perso il contatto, con una buona amicizia che poi è finita
Perché tu non avevi mai avuto tempo di chiamare e dire “Ciao”?
Faresti meglio a rallentare.
Non danzare cosi veloce.
Il tempo è breve.
La musica non durerà.

Quando corri cosi veloce per giungere da qualche parte
Ti perdi la metà del piacere di andarci.
Quando ti preoccupi e corri tutto il giorno,
É come un regalo mai aperto e gettato via.
La vita non è una corsa.
Prendila più piano.
Ascolta la musica prima che la canzone sia finita.

Quando ci faremo le domande giuste, avremo le giuste risposte. E per non sbagliare continua a guardare in alto (cit).

Ti auguro unna vita libera e felice 🙂
cristiano mocciola blog

Rimani aggiornato con il blog!

Tagged with: ,
Pubblicato su crescita personale, mente & corpo
2 comments on “Se fosse l’ultimo giorno della tua vita…
  1. Mary ha detto:

    Questo post mi è piaciuto molto, sopratutto quando dici che la vita è amore. Grazie! Buon
    Weekend
    Un abbraccio

Fammi sapere qui se ti è piaciuto, Grazie

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Mi presento…
Essere Felici Blog - Cristiano Mocciola

Ciao, sono Cristiano e voglio darti il benvenuto su Essere Felici Blog [MENTE|CORPO|SPIRITO]

essere felici youtube
Gratis per te
ebook crescita personale spirituale
⇓ RISORSE DEL BLOG ⇓
crescita spirituale mente
reprogramming cristiano mocciola
Seguimi su Twitter
⇓ da leggere ⇓

I consigli e gli esercizi contenuti in questo libro vengono svelati per la prima volta al pubblico occidentale. Per migliaia di anni i maestri taoisti hanno insegnato questi segreti ai pochi eletti delle corti imperiali e dei circoli esoterici, obbligandoli a mantenerli. Ora, un giovane maestro taoista e sua moglie, essi stessi praticanti questa antica arte del sesso, sentono il bisogno di condividerne la conoscenza con il resto del mondo. Due sono i metodi principali che gli autori insegnano alle donne per coltivare e potenziare la loro energia sessuale. Il primo è la respirazione ovarica, che può abbreviare il ciclo mestruale, ridurne gli effetti dolorosi e accumulare una maggiore quantità di energia vitale (Chi) nelle ovaie, per accrescere la potenza sessuale. Il secondo, la spinta orgasmica verso l'alto, può essere praticato da sole oppure assieme al partner. Appresa questa tecnica, si può provare un orgasmo totale che va al di là del comune orgasmo vaginale, senza tuttavia disperdere l'energia vitale.