Manipolazione mentale delle masse… o delle Miss?

Manipolazione mentale di massa, è possibile? Non solo è possibile, e studi scientifici lo dimostrano, ma è anche semplice. Perché semplice? Perché lo strumento per controllare e manipolare le volontà individuali, quindi quella collettiva, è presente pressoché in ogni abitazione (addirittura in ogni stanza dell’abitazione). Hai già capito di quale elettrodomestico sto parlando, vero?

SCARICA/STAMPA L’ARTICOLO IN FORMATO PDF

Quest’articolo non sarebbe dovuto uscire. Di solito pubblico il lunedì e avrei preferito parlare di altro. Ma dopo esser stato bombardato dalla notizia della nostrana Miss, ho deciso di farti sapere cosa ne penso.

television2-1024x641Non ho il televisore in casa e se mi segui da un po’ sai anche il perché (Libri Vs Televisione oppure Noi contro di loro). Ma le notizie ormai non passano solo attraverso i megaschermi presenti nelle case… c’è internet, ci sono i social… e ci sono le chiacchiere al bar. Già.

Di tutta questa storia di Miss Italia ne sono venuto a conoscenza davanti a una tazzina di caffè. Le persone non parlavano di altro. Tu la conosci? Brevemente ti riporto quanto ho sentito: a questa ragazza è stato chiesto durante la trasmissione in che anno le sarebbe piaciuto vivere. Lei ha risposto nel ’42 e quando il conduttore le ha chiesto il motivo, in evidente imbarazzo, lei non ha saputo cosa rispondere. O meglio, ha risposto arbitrariamente rendendosi forse conto di aver detto una fesseria. Puoi immaginare, o le hai sentite anche tu, le voci che ora girano attorno a tutta questa faccenda. STOP!

E se fosse tutta una montatura? Di cosa avrebbe parlato la gente altrimenti? Meglio far dimenticare argomenti più importanti e invadere le loro menti con pattumiera degna di prima pagina, non sia mai che si sveglino e comincino a pensare seriamente al loro futuro… e se la povera ingenua fosse stata addestrata per questa risposta? In pochi anni l’immagine della donna è stata deturpata, stuprata, demolita. Resa un fantoccio. E questa è l’ennesima batosta. Lo stereotipo della donna, proposto (e a quanto pare comandato) dai media, deve essere così.

Le notizie che ricevi dai mezzi di (dis)informazione sono alterate, e (scusa il mio modestissimo parere) servono per pilotare le masse, renderle mansuete e ubbidienti. I media decidono cosa devi sapere, in che modo, in quale quantità… e quindi controllano cosa devi pensare. Loro creano per te le immagini che TU devi assorbire e trasmettere (e più giù, dopo il video, ti spiego il motivo). La mente lavora per immagini e se ingurgiti le immagini che ti propongono, che razza di futuro pensi che tu possa costruirti?

I pensieri diventano cose. Scegli quelli buoni! – Mike Dooley

E ora, se mi presti un po’ del tuo tempo (24 minuti), prima di procedere con le cose che volevo dirti, mi farebbe piacere che tu guardassi con attenzione questo video e riflettessi.

E sull’argomento Miss Italia (e su tutta la disinformazione) ci metterei una pietra sopra, anzi, una valanga di pietre.

Tutta questa introduzione mi è servita per arrivare al succo dell’articolo e mi piacerebbe affrontare con te questo discorso. Ne abbiamo già parlato si, ma cambiamo ora il punto di osservazione: come posso creare la realtà che desidero?

download

Inizia a prendere in considerazione che la tua mente (inconscia) non è altro che  un’antenna, connessa a tutte le altre menti. Tutte le antenne presenti sul pianeta fanno capo a un unico emittente: il subconscio collettivo. E il subconscio collettivo dirige tutta la giostra, o meglio, il subconscio collettivo è il campo quantico in cui tutti siamo inseriti.

Ogni singola mente trasmette (e riceve) segnali al subconscio collettivo il quale si adopera a modificare la propria struttura di informazioni in base alle richieste che gli sono pervenute. Quando pensi, quindi immagini, visualizzi e ti emozioni, invii chiari segnali all’inconscio collettivo, il quale risponde costantemente a ogni richiesta.

Perché è di questo che si tratta: ogni immagine (pensiero) che transita nella tua calotta cranica, viene ricevuta come una richiesta. Questa richiesta sarà interpretata e gestita per programmare e creare gli eventi futuri che le corrisponderanno. L’inconscio collettivo risponderà ai segnali che gli hai inviato alterando lo stato degli elettroni del campo quantico e inviando le nuove informazioni ad ogni antenna. Ogni istante siamo nell’atto di creare noi stessi, il nostro futuro e il futuro dell’umanità (leggi l’articolo “Non attrai ciò che vuoi, attrai ciò che sei”)

Sostanzialmente: come i nostri computer sono collegati a internet e si scambiano dati, così noi siamo collegati l’un l’altro. Tutti facciamo capo ad un unico server. Il server risponde incessantemente ai dati che gli inviamo modificando, per noi, la sua trasmissione, quindi la sua struttura.

Se tu fossi consapevole del potere del tuo pensiero non penseresti mai un pensiero negativo – Judith Faulkner

Ci leggiamo lunedì e nel frattempo dimentichiamoci di tutta questa storia del ’42 🙂
cristiano mocciola blog

PS: Non lasciare che altri decidano cosa tu debba pensare. Prendi in mano il tuo futuro e prenditi la responsabilità di ciò che accade nel mondo. Guerre, crisi economiche, omicidi, suicidi, stupide Miss e ogni altro tipo di immagine negativa, non creeranno un futuro migliore, creeranno il futuro che qualcuno ha scelto per non perdere il potere. Perché se tu comprendi la tua innata capacità di modellare il campo quantico diventeresti un pericoloso ribelle. Rifiuta le immagini che questo qualcuno ti offre e inizia a proiettare un mondo nuovo. Quando abbastanza persone comprenderanno questo, quando avremo raggiunto la massa critica, il cambiamento sarà imminente.

Rimani aggiornato con il blog!

Tagged with: , , , ,
Pubblicato su crescita personale, mente & corpo
9 comments on “Manipolazione mentale delle masse… o delle Miss?
  1. gloriavanni ha detto:

    Grazie, Cristiano! Condivido questo tuo post dalla prima all’ultima parola e da oggi lo adotto in #adotta1blogger 🙂 Perché è troppo facile aprire la bocca per giudicare ed evitare così altri pensieri…

  2. Io vivo di Fisica Quantistica 😃 finalmente ho trovato qualcuno che ne parla 😃

  3. Drittoallameta.it ha detto:

    Un popolo di ignoranti è piu’ facile da controllare. Tu televisione sei l’unico e vero Dio, ti prego dimmi cosa devo pensare, cosa devo mangiare, cosa è giusto e cosa è sbagliato. Pensa tu per me.

  4. Mary ha detto:

    E come si fa a non condividere questo pensiero? Io sono stanca della tv e di tutto quello che ci propinano, di tutte le trasmissioni che non puoi seguire assolutamente! Ma tocca sempre a noi, non serve parlare, serve agire…..
    Ti auguro una felice domenica 🙂
    Ciao Cristiano
    Un abbraccio

Fammi sapere qui se ti è piaciuto, Grazie

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Mi presento…
Essere Felici Blog - Cristiano Mocciola

Ciao, sono Cristiano e voglio darti il benvenuto su Essere Felici Blog [MENTE|CORPO|SPIRITO]

Gratis per te
⇓ RISORSE DEL BLOG ⇓
Pubblicità
Seguimi su Twitter
⇓ da leggere ⇓

Che cosa hanno imprese internazionali come Apple, Google, Ikea o il macellaio italiano Dario Cecchini che la vostra azienda non ha? Le P tradizionali come prezzo, promozione, pubblicità, posizionamento e altre che gli uomini di marketing usano da tempo non funzionano più. Oggi, all'elenco, c'è da aggiungere un'altra P: quella di Purple Cow, la Mucca Viola. Che non è una funzione di marketing cui ricorrere a prodotto finito. La Mucca Viola spicca tra le tante marroni, è qualcosa di fenomenale, inatteso, che è dentro il prodotto. L'autore vi spiega come mettere una Mucca Viola in tutto ciò che fate e in tutto ciò che create, per sfornare prodotti che siano "degni di marketing".