Come ritrovare se stessi: i tre cancelli da aprire

Azione, pensiero, emozione. Queste tre componenti riescono a identificare quello che stiamo facendo, riescono a mostrare la qualità della nostra esperienza di vita, ma non potranno mai dirci chi siamo. Azione, pensiero, emozione determinano la nostra entità fisica, quella riconosciuta anche dal mondo esterno, la confinano in un involucro ma non ne rivelano l’essenza. Chi sei?

SCARICA/STAMPA L’ARTICOLO IN FORMATO PDF

Hai letto bene il titolo dell’articolo? A rieccolo → Come ritrovare se stessi: i tre cancelli da aprire.

La Vita che ti anima non è limitabile, non le si possono attribuire dei confini, ne tantomeno la puoi afferrare. Ma quella Vita, quell’energia cosmica che risiede in ogni cosa che tu puoi osservare, quella stessa energia che fa fiorire le margherite, ecco, quella è la tua essenza, quell’energia sei tu.

Bene, hai già capito quali sono i tre cancelli da aprire per ritrovare chi siamo. Azione, pensiero, emozione. Questi sono i tre confini da superare. Oltre questi tre limiti troviamo noi stessi.

Questi tre elementi sono sempre in relazione tra loro. Quando cambi i tuoi pensieri, cambiano le tue emozioni. Quando cambi le tue azioni ti permetti di generare pensieri diversi. E quando l’emozione avvolge l’azione che stai andando a compiere ne determina la qualità del risultato.

Questi tre elementi sono delle variabili. Ognuno è strettamente legato all’altro. Ed ecco che se non riesci a generare pensieri differenti dal solito ti basterà iniziare a svolgere azioni differenti. E ti stupirai di quanto sarà immediato l’effetto. La mente (inconscia), appena si accorge del cambiamento, cambierà prospettiva e automaticamente cambierà le sue risposte. Questo discorso è il tema principale dell’ebook gratuito CAMBIA, PUOI! quindi non lo affronterò ulteriormente in questo articolo.

Nelle righe che seguiranno, piuttosto, esaminerei queste tre variabili per comprendere il perché siano esse ad allontanarci da chi siamo realmente.

E prima di affrontare i nostri tre cancelli è essenziale fare inversione di marcia. Poni attenzione dentro di te e non fuori. Affronta onestamente questi tre step:

PRIMO STEP → Osservati, prendi consapevolezza del tuo corpo. Lo puoi muovere, puoi sentire il battito del tuo cuore, puoi decidere se alzare un braccio, se chiudere un occhio. Ci sei? Hai il pieno controllo del tuo corpo. Scegli ora di essere attento e consapevole a ogni suo movimento.

SECONDO STEP → Ora osserva la tua mente. Avviene la stessa cosa. Puoi decidere quale pensiero generare. Si, molti altri sorgeranno automaticamente ma tu puoi decidere se mantenerli in vita prestando loro attenzione o ignorarli per farli svanire. Scegli ora di prestare attenzione al prodotto della tua mente, sii consapevole di quello che fa.

TERZO STEP → Osserva l’emozione che in questo istante ti anima. Ti senti gioioso, ansioso, inquieto, innamorato… ci sarà sempre un’emozione predominante. È fondamentale imparare a osservarla, comprenderla e lasciarla fluire per quello che è: una forma di energia, reazione fisiologica dei pensieri che la mente ha generato. Niente più. Osservala e distaccatene. Non sei tu.

Questi tre passi di consapevolezza ci aiutano a riprendere in mano il perfetto organismo che ci è stato gentilmente concesso da Dio, da madre natura, dall’universo. TU hai il pieno controllo di te stesso solamente volgendo lo sguardo dentro e non fuori. Potrebbe essere difficoltoso all’inizio ma con il giusto allenamento questo punto di osservazione diventerà il tuo stato naturale d’essere.

Se ti identifichi con ciò che accade fuori ti perdi, se ti identifichi con ciò che avviene dentro ti accorgi di esistere… se non ti identifichi con nulla ti risvegli e torni nel tuo ruolo di testimone privo di giudizio.

lascia che accada

E ORA LASCIA CHE ACCADA…

Tutto è già successo! Già. Se hai eseguito i tre step e sei stato onesto con te stesso hai già superato i tre cancelli di cui ti parlavo 🙂

Azione, pensiero ed emozione. Questi tre cancelli puoi superarli solamente quando ti accorgi che essi esistono. I tre step ti permettono ora di trovarti al di fuori di quelle gabbie illusorie che i cinque sensi offrono. Ora sei fuori e puoi osservare. Dalla posizione in cui ti trovi puoi fare un passo avanti e tornare dietro i tuoi cancelli, oppure puoi lasciarti andare e aspettare che accada. Che accada cosa? Ma il risveglio! L’illuminazione non è qualcosa che si cerca, è qualcosa che capita. All’improvviso.

E come ci ricorderebbe Yoda, piccolo grande Jedi della saga “Star Wars”, fare o non fare, non esiste provare!

Puoi scegliere di e-seguire questi tre step sin da subito e provare sulla tua pelle cosa vuol dire ritrovarsi dall’altra parte, o puoi continuare a stare lì dove stai, dietro preconcetti illusori che guidano la tua vita e non ti permettono di riappropriartene. Non c’è bisogno di credere in qualcosa di particolare per fare quello che ti ho suggerito. Devi solo sperimentare di persona. I processi interni degli esseri umani sono uguali per tutti. Un cuore è un cuore, un braccio è un braccio, un occhio è un occhio. Siamo tutti uguali anche se all’apparenza diversi. Funzioniamo tutti nell’identico modo e la Verità è per tutti nello stesso luogo: dentro se stessi.

Buona Vita

cristiano mocciola blogRimani aggiornato con il blog!

Tagged with: , , ,
Pubblicato su crescita personale, spiritualità & meditazione
11 comments on “Come ritrovare se stessi: i tre cancelli da aprire
  1. yourborderline ha detto:

    grazie Cristiano….parole giuste e magiche, piccoli tasselli per ritrovare se stessi..buona settimana

  2. Drittoallameta.it ha detto:

    Nei secoli è sempre esistita la figura del Guerriero che si disciplina per poter realizzare qualcosa di più grande di lui. Con questi consigli, ci si può “disciplinare alla consapevolezza” anche in un mondo di smartphone e social media, senza dover rimpiangere la disciplina di Samurai e Spartani

  3. Mary ha detto:

    Grazie Cristiano ne avevo bisogno.
    Un abbraccio
    Mary

  4. Barbara ha detto:

    Ciao Cristiano, volevo chiederti cosa ne pensi del training autogeno? Giovedì inizierò a farlo perché sono una persona molto ansiosa e non riesco a smettere di esserlo. Ti basti sapere che anche solo l’idea di fare training autogeno mi mette ansia!!!!!!!! Perché non so cosa aspettarmi!!!!!!!!!!!!!

  5. beramat1091 ha detto:

    Ciao Cristiano, bell’ articolo e bel blog. Complimenti!
    Ho aperto anche io un blog ma da poco a differenza tua, se ti và di dacci un occhiata 😉
    http://www.il-mondo-che-vorrei.com

    Ciao e Grazie!

Fammi sapere qui se ti è piaciuto, Grazie

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Mi presento…
Essere Felici Blog - Cristiano Mocciola

Ciao, sono Cristiano e voglio darti il benvenuto su Essere Felici Blog [MENTE|CORPO|SPIRITO]

Gratis per te
⇓ RISORSE DEL BLOG ⇓
Pubblicità
Seguimi su Twitter
⇓ da leggere ⇓

Che cosa hanno imprese internazionali come Apple, Google, Ikea o il macellaio italiano Dario Cecchini che la vostra azienda non ha? Le P tradizionali come prezzo, promozione, pubblicità, posizionamento e altre che gli uomini di marketing usano da tempo non funzionano più. Oggi, all'elenco, c'è da aggiungere un'altra P: quella di Purple Cow, la Mucca Viola. Che non è una funzione di marketing cui ricorrere a prodotto finito. La Mucca Viola spicca tra le tante marroni, è qualcosa di fenomenale, inatteso, che è dentro il prodotto. L'autore vi spiega come mettere una Mucca Viola in tutto ciò che fate e in tutto ciò che create, per sfornare prodotti che siano "degni di marketing".