Motivazione: i motivi per cui la perdi e il modo più veloce per ritrovarla

Come ritrovare la voglia di fare? Quando hai bisogno di ritrovare motivazione, nello studio, nel lavoro, nello sport… dove la recuperi la benzina per il tuo successo? E cosa succede quando la trovi e ti metti in testa che devi raggiungere un traguardo, che devi raggiungerlo a tutti i costi? Cosa cambia dentro di te?

SCARICA/STAMPA L’ARTICOLO IN FORMATO PDF

Quando vuoi qualcosa cerchi un modo per raggiungerlo. E se quel modo non va bene ti adoperi per trovarne un altro. Si, insomma, se il piano A non ha funzionato non importa, l’alfabeto ha altre 25 lettere. Non ci sono scuse che tengano, vero? Ritrovare la motivazione non è un problema!

E sai qual è la cosa strana? Che quando vuoi veramente qualcosa alla fine la raggiungi. Tempo e spazio sono dimensioni che cessano di esistere per una mente motivata. Non contano più e non riescono più a influire sulle tue scelte. L’unica dimensione che conta (che dimensione poi non è) è l’impegno, è l’energia che scegli di investire per arrivare a destinazione.

CREDI NEL TUO SOGNO… ehm… PROGETTO?

E se invece di sogno lo chiamiamo per quello che è? Tu non hai sogni da realizzare, hai progetti! Le parole sono magiche ed è importante usarle a nostro favore, non credi? Quando si parla in termini di sogni è come se parlassimo di qualcosa di aleatorio, come fosse fumo disperso nell’etere in attesa che qualcuno riesca ad afferrarlo. Ma se parliamo di progetti, allora, è tutto diverso. Un progetto è scritto nero su bianco, nella tua mente, su un foglio di carta. È stato in parte realizzato perché qualcosa ha già preso vita.

Quando credi nel tuo progetto ogni pensiero, ogni azione, ogni scelta… tutto è in funzione della sua realizzazione. Si crea una coerenza totale in tutto il tuo essere, tant’è che potresti dire di esserti già trasformato nella persona in grado (al 100%) di realizzarlo. Quando ti tramuti nel tuo sogno il tuo sogno si realizza, perché? Perché TU sei l’origine del cambiamento che si manifesterà. Sei un essere vibrazionale inserito in un ambiente vibrazionale, ricordi?

Tutto è energia e questo è tutto quello che esiste. Sintonizzati alla frequenza della realtà che desideri e non potrai fare a meno di ottenere quella realtà. Non c’è altra via. Questa non è Filosofia, questa è Fisica – Einstein

E quando credi fermamente nella tua visione non ci sono paure o rischi che possano fermarti. Sei come un treno ad alta velocità che viaggia verso la propria destinazione! Si è pregati di sostare dietro la linea gialla, il treno non si ferma…

Quando il tuo treno è in viaggio non ti importa delle critiche, di chi giudica. Non ti interessa quanto tu possa apparire ridicolo agli occhi altrui perché, in fin dei conti, il giudizio degli altri conta come il due di coppe quando a briscola comanda bastoni.

Indizio importante: se ti accorgi di non essere disposto a renderti ridicolo per il tuo progetto, o il tuo progetto non vale niente, o non vali niente tu. Sono stato duro? Beh, la vita è più dura se glielo permetti, ricordi le parole di Rocky ↓

Il coraggio che userai per continuare sulla strada che ti condurrà al successo, nonostante venti contrari, è intelligenza. Intelligenza utile al raggiungimento di ciò che meriti. Ora, scegli da chi parte stare. Vuoi stare tra coloro che rimangono a guardare e puntano li diti, che si piangono addosso e incolpano tutto e tutti della loro non riuscita, o vuoi stare tra quelli che dicono non è stato facile ma ce l’ho fatta perché ci ho creduto! Se ci pensi non hai molte alternative…

Ma come è possibile dare tutto se stessi, trovare ogni giorno la motivazione necessaria per superare le difficoltà? Secondo me c’è un pensiero che, prima di tutti gli altri, dovrebbe accompagnarci nelle nostre salite più faticose, ed è questo:

perdere motivazionedarò tutto me stesso, darò il meglio di me per raggiungere il mio obiettivo ma non sarà l’obiettivo raggiunto a rendermi fiero, felice. Sarò orgoglioso di me, dell’atteggiamento vincente che ho scelto di adottare. Sarò orgoglioso della mia mentalità positiva che nel mentre delle difficoltà si è plasmata diventando più forte. Sarò grato per i sacrifici che ho dovuto compiere e che mi hanno permesso di comprendere meglio me stesso. Sarò grato delle emozioni che ho vissuto in questo viaggio, delle rinunce, delle sorprese, degli imprevisti. Sarò fiero della mia visione. Non devo spiegare niente a nessuno. Quello che vedo io, per fortuna, non possono vederlo gli altri. Realizzare la mia visione è compito esclusivamente mio. La mia visione è parte della mia vita. Sono qua per realizzarla.

Gli ostacoli non mi fermano. Ogni ostacolo si sottomette alla rigida determinazione. Chi guarda fisso verso le stelle non cambia idea – Leonardo Da Vinci

MOTIVAZIONE³

Ok, fino qua tante belle parole. Ma in pratica, dove caspita trovo sta benedetta motivazione che mi permette di non cedere davanti alle difficoltà? Se ti ricordi avevamo già visto come ritrovare la motivazione in 10 minuti, e questa volta non voglio solamente suggerirti qualche tecnica, piuttosto vorrei portarti la mia esperienza e illustrarti uno dei modi più efficaci, veloci e semplici che si conoscano per riattivarsi positivamente verso i propri obiettivi.

Si, anche a me è capitato di essere a terra, stanco, con le batterie scariche. Voglia di lavorare zero, voglia di svagarmi zero… un ameba inerme sul divano dell’indecisione. Ti parlo di più di dieci anni fa. Una situazione drammatica, di stallo! Caffè, sigarette e pensieri inutili. Ma poi qualcosa è cambiato. E cambiò con una piccola e potente azione che decisi di intraprendere: comprai un libro di crescita spirituale/personale e lo iniziai a leggere (il libro in questione era questo).

leggere motivazioneMa non mi buttai a capofitto nella lettura. Non ero allenato per farlo. Iniziai con una pagina. Riflettevo su quello che avevo letto e provavo a mettere in pratica. Inizia il cammino verso me stesso. Ciò che leggevo prendeva posto tra i miei pensieri, si faceva spazio. Poco dopo lessi altre due pagine. Sai come si dice no, la fame vien mangiando! Beh, ora non sto qua a dirti quanto leggo… però posso farti una fotografia del mio comodino 🙂

Quando perdiamo la motivazione è perché abbiamo smesso di imparare. Smettendo di imparare abbiamo anche smesso di mettere in pratica quel poco che sappiamo perché quel poco non basta per ottenere dei risultati che ci motivino a continuareÈ un circolo vizioso: più conosci, più metti in pratica, più hai la possibilità di ottenere risultati che ti motivano per ricominciare daccapo.

In qualsiasi campo tu abbia bisogno di ritrovare motivazione la regola è sempre quella: impara qualcosa di nuovo e/o cambia il modo in cui lo stai facendo. Se non trovi più la motivazione per correre la mattina presto puoi fare una ricerca su internet per scoprire cose che non sai sulla corsa, del tipo che fa bene al cervello. Se non trovi più la motivazione per andare a lavoro puoi cercare nuove soluzioni/applicazioni per svolgerlo in maniera differente, se non trovi più la motivazione per stare con tua moglie/marito puoi testare nuove strategie di coppia

IL LATO OSCURO DELLA MOTIVAZIONE

Una persona motivata è colei che si dà da fare, sia quando ha voglia e sia quando non ne ha. E agisce così perché ha sempre chiaro, davanti a sé, l’obiettivo da raggiungere. Non cerca più uno scopo perché si è tramutata nel proprio scopo. Ma se tiri troppo, la corda si spezza, se non la tiri non suona. Anche nella motivazione esiste la giusta via di mezzo e per farti comprendere meglio quello che ti sto dicendo ti invito a leggere questa storia zen:

zen motivazione scacchiUn allievo andò dal proprio Maestro ed espresse il suo desiderio: “voglio smettere di soffrire e raggiungere la totale libertà, ma non mi sento abbastanza motivato per affrontare lunghi sforzi o per meditare, come posso fare?”
Il Maestro gli chiese: “Cosa sai fare?”
“Niente”
“Ma ci sarà qualcosa che ti piace fare…”
“Si, giocare a scacchi!”
Il Maestro fece portare una scacchiera, una spada e invito un altro monaco a sfidare il suo allievo. Poi aggiunse: “Chi vince la partita raggiungerà la liberazione, chi perde sarà ucciso da questa spada”.
I due iniziarono la partita e si concentrarono come mai avevano fatto. In gioco c’era la vita!
L’allievo che non trovava motivazione si trovò in vantaggio e pensò che ormai la vittoria era vicina. Ma vide il Maestro puntare la spada verso la testa del suo avversario. Provò compassione e sbagliò mossa appositamente. Ora la spada era sulla sua testa. Chiuse gli occhi ma la spada si scaglio sulla scacchiera rompendola in due.
“Non ci sono vincitori, non ci sono vinti” e rivolgendosi all’allievo poco motivato aggiunse “ora hai trovato quello che cercavi. Due sono gli elementi necessari al tuo scopo: la concentrazione e la compassione. Ora che hai sperimentato entrambe le energie sai cosa sono. Quella è la via che conduce alla tua realizzazione, alla tua libertà”.

Impariamo a conoscere noi stessi solamente facendo esperienza della vita. Gli obiettivi da raggiungere ci danno la possibilità di metterci in gioco e sperimentare sulla pelle cosa vuol dire essere vivi. E tra alti e bassi continuiamo a camminare comprendendo una sola cosa: l’obiettivo è lì ed è possibile raggiungerlo solamente essendo determinati. A noi la scelta: continuare a camminare o fermarci? E nel cammino cosa capiamo? Che la motivazione ci permette di raggiungere ciò che vogliamo ma solamente tornando umili possiamo capire chi siamo, in che modo vogliamo vivere e che mondo stiamo costruendo con le nostre azioni.

Ci è concesso di raggiungere tutto, qualsiasi meta ci prefiggiamo. Ma se un occhio deve rimanere fisso sull’obiettivo, quindi mantenere il focus, l’altro occhio deve essere fisso su di noi, per comprendere la nostra trasformazione durante il perseguimento del nostro progetto.

Vuoi ritrovare motivazione? Impara qualcosa di nuovo che vada a sostituire quello che già sai. Leggi un libro, partecipa a un seminario, ascolta una conferenza su un argomento di tuo interesse. Come l’allievo a cui piaceva giocare a scacchi. Torna a fare qualcosa che sai fare, che ti piace fare, e riscopri la tua determinazione.

La mente, anche se all’apparenza potrebbe sembrare stanca e svogliata, è sempre in cerca di nuovo cibo, è la sua natura. Una mente allenata è una mente alleata! E se le inizi a dar da mangiare nuove informazioni, anche totalmente differenti da quelle che le hai fatto assorbire fino a ora, ti chiederà il bis e si rimetterà in moto!

Ti auguro buona motivazione 🙂
cristiano mocciola blog

Rimani aggiornato con il blog!

Tagged with: , , ,
Pubblicato su crescita personale, motivazione
8 comments on “Motivazione: i motivi per cui la perdi e il modo più veloce per ritrovarla
  1. Heka ha detto:

    Grazie Cri!!! Come sempre…”una sferzata” di di motivazione e carica! Ne avevo proprio bisogno!

  2. Mary ha detto:

    Ma che bello questo articolo! Grazie!
    Mi ha colpito molto e riflettere sui sogni da realizzare, è vero se li chiamiamo progetti ci è più chiaro.
    E riflettevo anche sul fatto che tutto è energia che siamo sintonizzati….
    Grazie!
    Un abbraccio Mary

  3. Elena Ferro ha detto:

    Bello il passaggio sulla forza delle parole: è proprio così. Quando mi sento senza motivazione o sto attraversando un periodo difficile e buoi, leggo. I libri, i saggi, le storie di chi ci è passato prima di me mi aiutano.
    Dalle parole, scritte o pronunciate, prendo la mia energia! Buona anno a tutti

    • Essere Felici Blog ha detto:

      Vero Elena, quando qualcuno supera una difficoltà e condivide la sua esperienza permette agli altri di imparare molto più velocemente. È fonte Di ispirazione 👌
      Buon anno anche a te ☺

  4. nientedicheblog ha detto:

    Mi ha molto colpito il passaggio sul “lato oscuro”. Complimenti per l’articolo!

Fammi sapere qui se ti è piaciuto, Grazie

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Mi presento…
Essere Felici Blog - Cristiano Mocciola

Ciao, sono Cristiano e voglio darti il benvenuto su Essere Felici Blog [MENTE|CORPO|SPIRITO]

Gratis per te
⇓ RISORSE DEL BLOG ⇓
Pubblicità
Seguimi su Twitter
⇓ da leggere ⇓

Che cosa hanno imprese internazionali come Apple, Google, Ikea o il macellaio italiano Dario Cecchini che la vostra azienda non ha? Le P tradizionali come prezzo, promozione, pubblicità, posizionamento e altre che gli uomini di marketing usano da tempo non funzionano più. Oggi, all'elenco, c'è da aggiungere un'altra P: quella di Purple Cow, la Mucca Viola. Che non è una funzione di marketing cui ricorrere a prodotto finito. La Mucca Viola spicca tra le tante marroni, è qualcosa di fenomenale, inatteso, che è dentro il prodotto. L'autore vi spiega come mettere una Mucca Viola in tutto ciò che fate e in tutto ciò che create, per sfornare prodotti che siano "degni di marketing".