Disciplina mentale: come controllare il pensiero

La cosa più difficile del mondo è sapere pensare! Questa frase è di Blaise Pascal. Ma cosa vuol dire sapere pensare? Pensare è un’attività utile solamente se il pensiero si tramuta in azione, se crea qualcosa di tangibile, qualcosa di cui fare esperienza nel mondo fisico.

SCARICA/STAMPA L’ARTICOLO IN FORMATO PDF

Possiamo pensare in infinite modalità: possiamo pensare attivamente, passivamente, possiamo dubitare, generare ansia, paura, inquietudine, serenità… Ma se veramente vuoi risvegliare il potere della mente hai bisogno solo di una cosa: disciplina!

UNA MENTE SANA AGISCE

mente sana agisceLa mente è un muscolo e come tutti i muscoli deve essere allenato. Fino a qualche anno fa ero un campione… un campione di autolesionismo. Ero così coinvolto nei miei processi mentali che mi ero tramutato in essi, non gestivo più niente di quello che avveniva nella mia calotta cranica.

Pensieri nocivi si tramutavano in azioni nocive. Tutto l’inutile che la mia mente mi proponeva generava stati d’animo terrificanti con conseguenti atteggiamenti paranoici. Invece che scegliere per amore, sceglievo per paura. Pensavo di amarmi ma in realtà mi detestavo, mi facevo schifo. Ero in un vortice negativo dal quale uscire pareva impossibile… ma nulla è impossibile e tutto muta, per fortuna. Ho corso il serio rischio di non poter condividere con te questo pezzo di vita 🙂

Ma perché avveniva questo? Perché ancora non avevo capito che io non ero la mente, io ero, sono e sarò sempre al di fuori del mio pensiero: io sono l’osservatore e posso scegliere quali pensieri nutrire e quali abbandonare. In ogni istante scelgo chi essere e come essere. Ogni istante progrΔmmo le mie esperienze future.

Vi dirò il mio segreto per liberare la mente dai pensieri negativi. Quando un tale pensiero entra nella mia mente, lo visualizzo come se fosse scritto su un pezzo di carta. Quindi gli do mentalmente fuoco e lo visualizzo mentre brucia fino a diventare cenere. Il pensiero negativo è distrutto, e non entrerà più – Bruce Lee

Le emozioni non si generano da sole, noi ne siamo gli artefici. Controllando il pensiero siamo in grado di gestire le emozioni senza il bisogno di reprimerle. Le emozioni sono la reazione fisiologica dei pensieri che scegliamo di mantenere in vita, sono le risposte agli eventi esterni che accadono e queste risposte sono determinate dall’atteggiamento (mentale) che scegliamo di adottare. E l’atteggiamento è qualcosa che si allena nel tempo.

Il bicchiere non è né mezzo pieno né mezzo vuoto. Il bicchiere è solo un bicchiere e il suo contenuto cambia continuamente a seconda della tua percezione. E la percezione non è altro che il punto di vista che tu, e solamente tu, scegli di adottare per osservare il mondo, per osservare la vita che accade e che ti accade. A fare la differenza nella tua esperienza è la mentalità che scegli di adottare.

E vuoi sapere qual è stata la prima cosa che ho fatto e che mi ha permesso di riprendere il controllo della mia mente? Ho smesso di darle retta. È come se per una vita ti fidi dei consigli di qualcuno e inevitabilmente, ogni volta, ti ritrovi con il c…o per terra. Dopo un po’ non smetteresti anche tu di dargli ascolto? E così ho fatto. Ho lasciato che la mia mente se la vedesse da sola e sono uscito, sono uscito per il mondo. Ho iniziato a fare attività fisica con regolarità, ho iniziato a dedicarmi all’unico aspetto che porta reale cambiamento nella vita di una persona: l’azione.

NON PENSARE SE NON NE SEI CAPACE!

Oggi voglio condividere con te alcuni aspetti che mi hanno permesso di ritrovarmi fuori dal vortice negativo mentale in cui mi ero infilato.

Ancora oggi conosco molte persone che si siedono sul bordo del letto a pensare… e pensano, pensano, pensano. Sguardo fisso nel vuoto, con un dito si grattano la testa e con la mente si perdono nell’inutilità delle probabilità. Generatori di ansia ad alte prestazioni, o semplicemente, povere anime che non riescono a districarsi dal groviglio dei propri pensieri. Sono le stesse persone che rimangono sotto la doccia per un’ora… e pensano, pensano, pensano. Sono quelle che trovi in piedi di fronte a uno specchio a preoccuparsi in maniera eccessiva della propria epidermide, del proprio aspetto fisico, di quello che pensano gli altri e, indovina un po’, pensano, pensano, pensano….

Sono persone che amo, persone per le quali, però, non posso fare niente se non portare il mio esempio. E quello che vorrei semplicemente dirgli è: non pensare, non ti serve se non sai come farlo! Limitati a vivere!

Puoi pronunciare un sermone migliore con la tua vita che con le tue parole
– Oliver Goldsmith

disciplinare mente e pensiero

DISCIPLINA MENTALE IN 4 PASSI

Ecco i 4 passi che ho seguito per disciplinare la mente e riprenderne il controllo:

1 – SMETTERE DI PENSARE, INIZIARE A OSSERVARE: è possibile vivere senza pensare?!? Certo, eccome! Osserva un qualsiasi animale, immedesimati… e illuminati! Scegli di vivere nel qui&ora, ascolta quello che accade, sii presente nel tuo presente. In questo luogo spazio-temporale sconosciuto a molti c’è la Vita. Essa esiste solo qui e in nessun altro luogo che la tua mente rincorre. Osserva il mondo intorno a te, cosa accade? Chi è che fischietta su quel ramo? E quell’auto che è passata era di un bel colore? Quel bambino riuscirà a finire il gelato senza farlo cadere? Quella donna su quei tacchi 12 sta soffrendo o si trova a suo agio? Quel fiore è nato solo in mezzo al prato, qualcuno lo ha visto? La vita che accade fuori ti sprona a osservarla. Guardare dentro se stessi è importante, ma bisogna esserne capaci, e osservare fuori è un ottimo allena-mente!  A lungo andare ti accorgerai che è possibilissimo vivere senza pensare. Si può anche semplicemente scegliere di vivere.

2 – DISCIPLINA MATTUTINA: svegliarsi per andare a lavoro è già un ottimo esercizio di disciplina, certo. Ma le cose protratte a lungo diventano abitudine e non ci permettono di andare oltre i nostri limiti, di migliorarci. Vuoi disciplinare la mente? Svegliati mezz’ora prima del solito. Qui avrai la prova se sei tu a controllare lei o è lei a controllare te. Se riuscirai a vincere quella voglia che ti invita a restare sotto le coperte sei già a metà dell’opera. Quella mezz’ora dedicala a qualcosa di utile per il raggiungimento dei tuoi obiettivi. 30 minuti al giorno possono cambiarti la vita!

3 – DISCIPLINA FISICA: mente e corpo sono in stretta connessione tra loro e dialogano incessantemente. Vuoi cambiare all’istante i tuoi pensieri? Cambia fisiologia! Facci caso: a determinati pensieri/stati d’animo corrispondono determinate posture. Ed ecco che se osservi intorno a te puoi capire all’istante chi è depresso, chi è entusiasta, chi è sereno. Ti basta osservare il suo corpo per avvicinarti a comprendere ciò che sta provando. Vuoi aiutare qualcuno a cambiare stato d’animo? Invitalo a cambiare fisiologia! La maggior parte di volte basta semplicemente correggere la propria postura per far sì che avvenga il miracolo, per far sì che la nostra mente inizi a processare in maniera differente le informazioni che le arrivano. E di certo, preoccuparsi di fare attività fisica giornalmente, di qualsiasi genere essa sia, non può far altro che aiutarti a disciplinare il perfetto organismo mente/corpo che ti è stato donato.

4 – DISCIPLINA CULTURALE: scegliere con cosa nutrire la nostra mente è indispensabile per darle una direzione. Tutto ciò che le diamo da mangiare viene metabolizzato a livello inconscio. Se occupi il tuo tempo a leggere giornali di gossip, ad ascoltare notizie di cronaca nera, a interessarti della vita di qualcun altro, quali risultati pensi di ottenere? È come se mangiassi solo patatine fritte, rum e cioccolata. Cosa aspetti che ti esca poi dall’intestino?!? La mente partorisce idee, nutre intuizioni e si sviluppa in base alla qualità delle informazioni che TU scegli di offrirle. Disciplinare la mente vuol dire anche obbligarsi, costringersi, a sedersi con un libro che ci possa aiutare a migliorare, vuol dire prendere carta e penna e scrivere ciò che apprendiamo dalla lettura. Per quanto possa essere faticoso all’inizio, questa potrebbe diventare una delle abitudini più utili e sane che tu possa decidere di fare tua!

La mente ha esattamente lo stesso potere delle mani:
non solo di afferrare il mondo, ma di cambiarlo – Woodrow Wilson

Chi pensa e non agisce finisce con l’essere depresso. Chi agisce senza pensare rischia la pazzia. Soltanto il pensiero di una mente disciplinata, seguito quindi da un’azione disciplinata, può portarti quei cambiamenti che desideri. E come disse Goethe: pensare è facile, agire è difficile, e mettere i propri pensieri in pratica è la cosa più difficile del mondo!

Ti auguro una buona riflessione 🙂

cristiano mocciola blog

Rimani aggiornato con il blog!

 

Tagged with: , , ,
Pubblicato su crescita personale, mente & corpo
8 comments on “Disciplina mentale: come controllare il pensiero
  1. Vince ha detto:

    Grazie! Utile come sempre

  2. Heka ha detto:

    Saper pensare…,hai ragione Cri…Ci proverò.

  3. Patricia ha detto:

    Ciao Cristiano! Utile e da provare. Carino (e facile da ricordare😉) il metodo del pensiero negativo sul pezzo di carta che brucia. Ma voglio raccontarti un’altra cosa : avevo un obiettivo per me molto importante ma che mi sembrava irraggiungibile perché nessun ci credeva. Ho iniziato ad agire e a pensare come se fosse raggiungibile (grazie ai tuoi articoli sai!) ebbene sì! È cambiato il vento anche intorno a me, sono a metà strada! GRAZIE CRISTIANO! Grazie di cuore!

  4. Danilo ha detto:

    Ciao Cristiano, i tuoi articoli sono sempre più “profondi” ed “illuminanti”…Ci sono due esercizi che sulla disciplina mentale mi sono tornati utili:
    – Allenarsi a ripetere per 5 minuti una frase a scelta. L’ideale è che la frase sia breve.
    – Mentre si guarda un film o una trasmissione televisiva, per 5 minuti ripetere una frase a scelta, senza distrarsi dal film…sono esercizi semplici ma che aiutano nella disciplina della mente 🙂

Fammi sapere qui se ti è piaciuto, Grazie

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Mi presento…
Essere Felici Blog - Cristiano Mocciola

Ciao, sono Cristiano e voglio darti il benvenuto su Essere Felici Blog [MENTE|CORPO|SPIRITO]

essere felici youtube
Gratis per te
ebook crescita personale spirituale
⇓ RISORSE DEL BLOG ⇓
crescita spirituale mente
reprogramming cristiano mocciola
Seguimi su Twitter
⇓ da leggere ⇓

I consigli e gli esercizi contenuti in questo libro vengono svelati per la prima volta al pubblico occidentale. Per migliaia di anni i maestri taoisti hanno insegnato questi segreti ai pochi eletti delle corti imperiali e dei circoli esoterici, obbligandoli a mantenerli. Ora, un giovane maestro taoista e sua moglie, essi stessi praticanti questa antica arte del sesso, sentono il bisogno di condividerne la conoscenza con il resto del mondo. Due sono i metodi principali che gli autori insegnano alle donne per coltivare e potenziare la loro energia sessuale. Il primo è la respirazione ovarica, che può abbreviare il ciclo mestruale, ridurne gli effetti dolorosi e accumulare una maggiore quantità di energia vitale (Chi) nelle ovaie, per accrescere la potenza sessuale. Il secondo, la spinta orgasmica verso l'alto, può essere praticato da sole oppure assieme al partner. Appresa questa tecnica, si può provare un orgasmo totale che va al di là del comune orgasmo vaginale, senza tuttavia disperdere l'energia vitale.