La realtà è un ologramma: psicoquantistica e non solo

Legge dell’Attrazione e psicologia quantica, entrambe affermano la stessa cosa. Il nostro pensiero cambia la realtà in cui viviamo, in continuazione. La vibrazione che stai emettendo in questo istante con i tuoi pensieri, quindi con le tue emozioni, sta attivando i cambiamenti del tuo prossimo futuro. L’energia che offri plasma il tuo destino. Sostanzialmente: stai creando la tua vita e ogni pensiero che scegli di alimentare e mantenere vivo apporterà modifiche concrete nelle tue future esperienze.

SCARICA/STAMPA L’ARTICOLO IN FORMATO PDF

Ma psicoquantistica, Legge di Attrazione (e Leggi ermetiche) non sono le uniche scuole di pensiero ad affermare ciò. Anche in PNL troviamo ribadito lo stesso concetto. Ed ecco che se desideri attuare un cambiamento nella tua realtà non dovrai dire: io desidero cambiare la mia vita, ma dovrai dire io sto cambiando (ora) la mia vita. Questo perché? Perché affermare che il cambiamento è in atto, affermare qualcosa di positivo e motivante nel qui&ora, permette alla tua mente di effettuare il cosiddetto salto quantico, ossia, le permette di cambiare il suo stato, di cambiare modello di pensiero.

salto quanticoMa cosa è di preciso il salto quantico? In fisica quantistica si chiama salto quantico (quantum leap) il passaggio di un elettrone da un orbita a un’altra. Questo movimento crea ovviamente energia. Questo movimento cambia sostanzialmente la struttura dell’atomo. Questo salto ha permesso quindi il cambiamento.

Pensa un attimo, se l’elettrone invece di fare il salto si ripetesse forse dovrei saltare, al prossimo giro salto, forse più tardi, ma chi me lo fa fare… quel salto molto probabilmente non lo farà mai! Ma l’elettrone non pensa, non rimugina e salta. Noi pensiamo, dubitiamo sulla nostra natura di creatori, ci adattiamo alle nostre sofferenze… e rischiamo di non saltare, di non effettuare i cambiamenti che desideriamo.

Le parole sono magiche e non solo influenzano noi, la nostra mente inconscia, ma influenzano anche l’ambiente circostante. Le parole ti offrono possibilità o te le negano. Le parole costruiscono le tue convinzioni nel tempo, rinforzano le reti neurali che determinano il tuo atteggiamento, quindi, o le tue convinzioni migliorano la tua vita o la peggiorano. Ciò che accade è sempre e solo ciò che accade. Come reagisci lo decidi tu e la tua reazione determina la qualità dell’esperienza che andrai a vivere. Ma facciamo un passo indietro…

IL PENSIERO INFLUENZA LA REALTÀ

Sai qual è l’articolo più letto di questo blog? Con mia sorpresa è stato quello dove parlavamo degli esperimenti di Masaru Emoto. Lo studioso dell’acqua, così fu soprannominato. Emoto dimostrò in maniera semplice e inconfutabile come le parole influenzino la materia. Nello specifico dimostrò come pensieri, emozioni, suoni… quindi vibrazioni (di qualsiasi natura esse siano), modifichino il comportamento dell’acqua durante la sua cristallizzazione. E ne dedusse una cosa: se noi siamo fatti di acqua per il 70%, che influenza hanno le vibrazioni che emaniamo/riceviamo sul nostro corpo? E come influenzano il mondo circostante?

Un altro scienziato, Cleve Backster, dimostrò lo stesso concetto sfruttando le piante. Tutto vibra ed è in continua comunicazione, anche se non possiamo vederlo o sentirlo. Guarda questo breve video…

Tutto è energia. Tutto è vibrazione. Tutto è connesso. Si, tutto è uno. Questo concetto è un dato di fatto pluridimostrato dalle diverse scuole, filosofie o correnti spirituali. E se ancora qualcuno nutre dubbi riguardo ciò farebbe bene a non dirlo in giro… questa volta potrebbe passare lui per eretico.

Ma se è vero che incessantemente comunichiamo con il mondo esterno attraverso le vibrazioni che offriamo, come posso cambiare in maniera consapevole la realtà in cui mi trovo?

Sai qual è una delle caratteristiche principali dell’essere umano? Cos’è che lo differenzia dalle altre specie animali? Il suo spirito di adattamento. L’essere umano è in grado di adattarsi a qualsiasi tipo di ambiente, dal freddo polare al caldo equatoriale. A differenza di tutti gli altri ANIMA-LI, siamo in grado di integrarci e sopportare con molta facilità le diverse condizioni ambientali che incontriamo.

Questa cosa è vera come è vero che l’integrazione risulta più semplice se avviene in un lasso di tempo ampio. Se ci trovassimo ad effettuare un cambio repentino invece che graduale, le cose cambierebbero. Conosci la metafora della rana e l’acqua bollente?

Una rana viene messa dentro una pentola con acqua bollente. La rana schizza immediatamente fuori dall’acqua. La stessa rana viene messa poi dentro una pentola con acqua fredda… ma su un fornello acceso. La rana perde lentamente i sensi, si adatta… e muore bollita.

Il condizionamento graduale all’ambiente porta all’adattamento

(Alberto Lori)

Allo stesso modo ci comportiamo noi esseri umani. Il cambiamento lento ci permette di adattarci, un cambiamento improvviso invece ci provoca una reazione immediata. Ecco perché molte volte comprendiamo benissimo quello che non ci piace della nostra vita ma non agiamo. Sappiamo anche cosa potremmo fare a riguardo per cambiare quegli aspetti che non ci vanno giù, ma ci adattiamo, ci consoliamo nella lamentela o facciamo finta di niente… e non agiamo.

È come se il nostro lavandino cominciasse a perdere acqua, una goccia dopo l’altra. Se mettiamo un catino sotto il lavello con molta probabilità lì rimarrà per i mesi a venire. Ma se il lavandino invece di perdere gocce d’acqua avesse un’ingente perdita tale da ritrovare acqua per tutta la cucina, dubito penseresti ancora alla soluzione del catino, vero?

HAI INFINITE POSSIBILITÀ. SCEGLI.

Nell’eternità dello spazio-tempo tutte le possibilità coesistono nel momento presente. Questo concetto è alla base della fisica quantistica. Tutte le possibilità aspettano solo di essere attivate dall’osservatore, da noi. Ogni nostra scelta (azione) determina delle reazioni nel campo quantico. Il caso non esiste e la settima legge Ermetica, La legge di causa ed effetto, ce lo ricorda.

Il premio Nobel per la fisica, Erwin Scrhödinger, afferma che prima che qualsiasi evento si manifesti nella realtà visibile, tutte le possibilità coesistono in stati quantici sovrapposti. È l’osservazione che determina il collasso della funzione d’onda e la manifestazione dell’evento che si rende visibile.

Cosa vuol dire? Che noi, in quanto osservatori, determiniamo con il nostro focus la realtà che ci dovrà apparire. Dove poni l’attenzione, lì fluisce la tua energia. E il come poni l’attenzione, determina la qualità dell’esperienza che vivrai… che creerai. Quindi ricentrare il focus sul nostro obiettivo è la cosa più saggia che possiamo fare per permettere il nostro quantum leap.

Quando presi la patente della moto uno dei test era quello di fare lo slalom tra i birilli. E sai qual è il trucco per non toccare i birilli e farli cadere? Non guardarli. L’istruttore ci aveva raccomandato così: osservate dove volete andare, la strada che volete percorrere. Non guardate dove non volete andare! Aveva ragione. La moto si proiettava esattamente sul percorso osservato. Che istruttore quantistico!

Il mondo è una sintesi delle nostre sensazioni, delle nostre percezioni e dei nostri ricordi. È comodo pensare che esista obiettivamente, di per sé. Ma la sua semplice esistenza non basterebbe, comunque, a spiegare il fatto che esso ci appare

(Erwin Scrhödinger)

upanishad quantisticaNelle Upaniṣad, l’insieme dei testi religiosi e filosofici indiani, troviamo lo stesso concetto, strano vero? Documenti datati circa dieci secoli prima della venuta di Cristo, scritti in lingua sanscrita, trovano conferma nelle leggi della fisica quantistica? Eppure è così.

Per essere precisi, nella Chāndogya Upaniṣad, una delle Upaniṣad più antiche e ampie del corpus delle Upaniṣad vediche, troviamo questa citazione: TAT TVAM ASI (questo sei tu). La vita che stai vivendo comprende l’intera esistenza, il tutto, ma i tuoi sensi sono limitati e non ti permettono di osservarla tutta insieme. Tutto esiste già ora e per renderlo manifesto, un pezzo alla volta, c’è bisogno che tu scelga, che tu osserva cosa far apparire, quindi cosa sperimentare.

Dal punto di vista della piscologia quantistica, per effettuare il salto quantico che ci permette di raggiungere l’orbita che desideriamo, dobbiamo cambiare stato emozionale, non in base a quello che sta accadendo, ma in base a quello che vorremmo accadesse. In altre parole: per attrarre ciò che desideriamo dobbiamo sintonizzarci sulla frequenza del nostro desiderio. In quanto esseri vibrazionali inseriti in un ambiente vibrazionale possiamo connetterci solamente alle cose e alle situazioni che hanno la nostra stessa frequenza, la nostra stessa vibrazione. E se ci rifletti, se osservi abbastanza attentamente i problemi che pensi di avere, ti accorgerai di essere parte di quei problemi.  Tu e il tuo problema attuale vibrate sulla stessa frequenza, così come tutte le cose belle che hai vibrano in sintonia a quello che sei ora. Ciò che hai rispecchia ciò che sei, la tua vita è una proiezione del tuo stato interiore.

Se vuoi cambiare il fuori, devi cambiare il dentro. Hai presente come funziona la radio? Per cambiare stazione devi cambiare frequenza. Così, se vuoi cambiare la tua realtà, la tua stazione, cambia frequenza, cambia la tua offerta vibrazionale, mentale ed emozionale.

Non possiamo risolvere i problemi con lo stesso tipo di pensiero che abbiamo usato quando li abbiamo creati

(Albert Einstein)

Quando fai una cosa sei quella cosa che fai. Tu sei l’origine del cambiamento. Per fare il tuo salto quantico trasformati nel cambiamento che desideri.

(Scopri cos’è  RΣ-PROGRΔMMING) Concentrati su quello che vuoi, non su quello che non vuoi. E poi fa come l’elettrone: agisci! Crea energia simile a quella del tuo desiderio, con i tuoi pensieri, con le tue azioni. Sintonizzati!

Buon salto
cristiano mocciola blog

Rimani aggiornato con il blog!

Tagged with: , ,
Pubblicato su crescita personale, mente & corpo
3 comments on “La realtà è un ologramma: psicoquantistica e non solo
  1. Heka ha detto:

    come sempre,grazie Cri! è vero..che noi risuoniamo…alla frequenza delle cose che attraiamo….Io riesco “nelle piccole” cose, lo vedo..proprio chiaramente..che accade…cosa voglio,ma…nelle grandi “imprese”….dubito…,quindi.,.non vibro..come dovrei..e…le cose non accadono…Ma come si fa?cosa…ci fa talmente CREDERE…che tutto andrà come desideriamo? beh…se ci credessimo…sarebbe più semplice….,tutto..sta..nell’aver fiducia nell’Universo..e agire..come se già..avessimo…ciò che vogliamo…Ma io..mi perdo… 🙂
    un abbraccio energetico!

    • Essere Felici Blog ha detto:

      Ciao Heka , grazie a te:) suppongo che la soluzione è continuare ad allenarci. Se vuoi correre la maratona non puoi iniziare adesso a correre per 40 km, ma inizierai con 2, poi 5, poi 10 e cosi via. Non possiamo pretendere di generare ORA vibrazioni troppo distanti da quello che siamo, ma possiamo migliorarle gradatamente fino ad arrivare al punto desiderato. (Rileggiti la Legge della Polarità di Ermete ;))
      Un abbraccio a te 👋

Fammi sapere qui se ti è piaciuto, Grazie

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...