È importante andare in vacanza… anche tre volte al giorno (Lao Tzu, mare e fisica quantistica)

Che tu sia ancora in ferie oppure no, che tu ci sia potuto andare o che tu abbia dovuto rimandare il tuo viaggio di relax, c’è una cosa sulla quale vorrei farti riflettere: l’utilità della vacanza!

SCARICA/STAMPA L’ARTICOLO IN FORMATO PDF

lao-tzu-paintingBella scoperta! mi dirai. La vacanza è utile per staccare dalla quotidianità, per cambiare aria, per far riposare mente e corpo. SI, certo, ma mi piacerebbe lo stesso approfondire con te questo discorso e per farlo comincerei con l’analizzare l’etimologia di questo termine.

Vacanza: dal latino, vacantia neutro plurale sostantivato di vacans, participio presente di vacare essere vuoto, libero. E perché no, analizziamo anche il suo significato (preso dal dizionario Garzanti): Periodo di libertà dal lavoro o dagli obblighi scolastici in coincidenza con festività, turni di riposo o altre circostanze; tempo vuoto.

Credo che l’essenziale che dovrebbe farci riflettere sia proprio il termine VUOTO.

Ci sono persone che nonostante siano in vacanza dal lavoro, dagli studi, non riescono proprio a staccare dai propri impegni, a concedersi questo vuoto. Ovunque vanno si portano dietro il fardello dei loro pensieri, non mollano la presa. Risultato: lo stress accumulato non cala di una virgola e quando ricominciano il tran-tran quotidiano sono già stanchi prima di partire. Di conseguenza anche i risultati, che dovrebbero essere migliori dopo un periodo di riposo, saranno scarsi.

Per spiegarti meglio il significato del termine vuoto di cui ti parlo, ti riporto le parole del nostro amico Lao Tzu 🙂  (raffigurato nella vignetta in alto mentre si concede un viaggetto):

Trenta raggi convergono sul mozzo, ma è il foro centrale che rende utile la ruota.

Plasmiamo la creta per formare un recipiente ma è il vuoto centrale che rende utile il recipiente.

Ritagliamo porte e finestre nelle pareti di una stanza: sono queste aperture che rendono utile la stanza.

Perciò il pieno ha una sua funzione, ma l’utilità essenziale appartiene al vuoto.

Hai presente la musica? Si, insomma, saprai che è composta da note. Ma prova a prendere ogni singola nota, suonala una volta e lasciala da sola. Dimmi che effetto ti dà. Nella musica è il vuoto che si frappone tra le note a dare loro un senso, a creare l’armonia, ci hai mai pensato?

Il vuoto che dobbiamo ricreare dentro noi ha la stessa utilità, ossia quella di rompere la monotonia e la disarmonia che andiamo creando. Prova a pensare a una musica suonata senza tempi di vuoto tra una nota e l’altra, che roba verrebbe fuori?

E come puoi ricreare questo vuoto? Fa quello che ti piace! Pensavi ti dicessi di meditare? Certo, meditare è un ottimo rimedio… ma non il solo!

Quando fai ciò che ami fare e non ti stai minimamente preoccupando del tempo che passa, la tua mente si è letteralmente presa una vacanza; quando canti a squarciagola una canzone che ti piace e ti senti già il vincitore del prossimo X-Factor, la tua mente (per la vergogna 😉 ) si è automaticamente spenta, svuotata da pensieri inutili; quando giochi con tuo figlio e vi ritrovate sdraiati a farvi una bella e sana risata spacca-addominali, la tua mente è fuori gioco, i tuoi pensieri, le tue preoccupazioni, sono tutte andate a farsi benedire.

Di metodi per creare questo vuoto c’è ne un’infinità! E non dobbiamo aspettare l’estate o il Natale per rigenerarci. E’ nostro compito farlo tutti i giorni.

E per farti capire ancora meglio l’importanza del vuoto di cui abbiamo parlato, vorrei farti riflettere su ciò che vedi intorno a te. Tutto ciò che osservi appare solido ma in realtà lo spazio occupato da un oggetto è prevalentemente vuoto. Persino il tuo corpo è composto prevalentemente da spazi vuoti. Sei fatto del 99,9 % di vuoto! Difficile a credersi ma a livello subatomico è così. Attorno al nucleo degli atomi girano gli elettroni e questi a loro volta si sfiorano con gli elettroni degli atomi adiacenti. In mezzo a tutto questo girare non c’è nulla! Se togliessimo tutto lo spazio vuoto tra nucleo ed elettroni tutti i 7 miliardi di abitanti della terra ci starebbero nello spazio di una mela.

Abbiamo citato Lao Tzu? Abbiamo parlato di fisica? Bene! Ecco un brano tratto dal libro di Fritjof Capra, “Il Tao della Fisica”taodellafisica

Immaginiamo un’arancia che cresca fino a raggiungere le dimensioni della Terra. A questo punto gli atomi dell’arancia sarebbero grandi come ciliegie. Miriadi di ciliegie strettamente impacchettate in un globo delle dimensioni della Terra: ecco un’immagine ingrandita degli atomi di un’arancia. Questo atomo è tuttavia enorme se confrontato con il suo nucleo, che sta al centro. Nella nostra immagine degli atomi-ciligie, il nucleo sarebbe così piccolo da non poterlo nemmeno vedere. È quindi necessario ingrandire l’atomo fino alle dimensioni della più grande cupola al mondo, quella della basilica di S.Pietro a Roma, per poter intravedere il nucleo dell’atomo, grande come un granello di sale. Un grano di sale al centro della cupola di San Pietro e dei granelli di polvere che gli turbinano intorno nell’enorme vastità della cupola: in questo modo possiamo raffigurare il nucleo e gli elettroni di un atomo.

Per concludere: concediti sempre (e più che puoi) attimi di vuoto, perché l’essenziale è invisibile agli occhi (cit.Antoine De Saint Exupery, il Piccolo Principe), ma soprattutto, perché il vuoto ha la capacità di attirare ciò che ti serve…

ps: fare il vuoto equivale a fare pulizia. E come è utile fare pulizia nella nostra mente, è altrettanto utile fare pulizia nel nostro cuore. Ricordi? Mente e cuore sono in stretta connessione tra loro (leggi l’articolo “il Dialogo necessario”) e qual è il miglior modo per alleggerire il cuore da ruggini emotive? Perdonando, prima gli altri e poi noi stessi (leggi l’articolo “Vuoi essere Felice? Perdona)

Ti auguro una felice settimana, ci leggiamo lunedì prossimo 🙂
cristiano mocciola blog

Rimani aggiornato con il blog!

Tagged with: ,
Pubblicato su crescita personale, spiritualità & meditazione
8 comments on “È importante andare in vacanza… anche tre volte al giorno (Lao Tzu, mare e fisica quantistica)
  1. nickmurdaca ha detto:

    Lao Tzu è un amico davvero molto saggio! Il vostro bel post altrettanto. Oggi, siete la mia “adozione” per #adotta1blogger su Facebook! 🙂

  2. Massimo Idra ha detto:

    Grazie Cristiano per la bellissima idea di vuoto che hai saputo dare. Permettimi di aggiungere e correggimi se ho inteso male perché vedo molti punti comuni, ed è a questo che all fine si dovrebbe convergere, al di là di tante specifiche dottrinali; essendomi formato alla scuola buddhista tradizione Gelugpa, ho un’idea un po’ diversa di vuoto, in cui vuoto e nulla “sono” cose bene distinte: il nulla per definizione non esiste in nessuna forma, e questo è un problema risolto 😉 , esiste il vuoto, quello sì, ma non ha soluzione di continuità nello spazio, indipendentemente dalle cose che esso stesso costituisce (interazione “vuoto” – “pieno”) e dalle “distanze” tra esse, trattandosi comunque di materia e / o energia in diversa composizione. Ho cercato di riassumere il più possibile, faccio un piccolo esempio: pensiamo ad una bacinella e poniamo la domanda da quali parti è costituita; profanamente risponderemmo dal contorno e dalla maniglia, in realtà se non vi fosse il vuoto all’interno, ma è un vuoto relativo in quanto occupato da gas quali aria, la bacinella non esisterebbe, probabilmente sarebbe una barretta di ceramica, e di nuovo al suo interno non avremmo pieno o vuoto, ma molecole, atomi, elettroni, spazi subatomici in cui via via prevale sempre più la componente energia su materia (in realtà è inosservabile all’infinito ma solo ipotizzabile dalla più larga scala). In ogni caso, siamo d’accordo sul fatto che la bacinella non esisterebbe se all’interno non vi fosse il vuoto (e quando vi versiamo una bevanda essa prende il posto dell’aria….). Non conosco il pensiero di Lao Tzu, ma in questo caso noi parliamo di dipendenza del tutto dalle parti che lo compongono (le cose esistono solo ed unicamente in virtù di ciò da cui sono composte) uno dei concetti, assieme ad interazione possibile grazie all’impermanenza e a causa ed effetto che va a formare il principio di vacuità, come ben saprai…

    • Essere Felici ha detto:

      Grazie Massimo per il tuo intervento. In effetti quello che viene proposto al lettore nell’articolo è un viaggio dal “vuoto” concettuale inteso da Lao Tzu fino al “vuoto” che riempie tutto. Sono argomenti che ovviamente non si possono esaurire in un singolo articolo, ma nemmeno in un libro, ma possiamo dare le fondamenta per stimolare il pensiero a vedere oltre le apparenze. Ti auguro una buona giornata, grazie ancora 🙂

  3. Mary ha detto:

    Mi piace leggere i tuoi post, questo mi è piaciuto molto ma vorrei capire se ho capito cosa vuoi dire, quando la mattina vado a camminare metto le cuffie e ascolto i video sulla meditazione, in questo modo mi stacco da tutto, cammino e mi rilasso. Quindi del vuoto di cui è questo, il non pensare a nulla è vivere il momento facendo ciò che ti fa stare bene?? Grazie! Un abbraccio

    • Essere Felici Blog ha detto:

      Ciao Mary 😊 quando quello che facciamo ci fa state bene abbiamo raggiunto l’obiettivo 👍 e se ci fai caso sono quei momenti dove il pensiero non conta ma conta ciò che provi

  4. Mary ha detto:

    Ah fare pulizia intendi; fare pulizia dei pensieri negativi e dalle persone negative?
    Grazie! 🙂

  5. Mary ha detto:

    Grazie Cristiano buona giornata 🙂

Fammi sapere qui se ti è piaciuto, Grazie

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Mi presento…
Essere Felici Blog - Cristiano Mocciola

Ciao, sono Cristiano e voglio darti il benvenuto su Essere Felici Blog [MENTE|CORPO|SPIRITO]

essere felici youtube
Gratis per te
ebook crescita personale spirituale
⇓ RISORSE DEL BLOG ⇓
crescita spirituale mente
reprogramming cristiano mocciola
Seguimi su Twitter
⇓ da leggere ⇓

I consigli e gli esercizi contenuti in questo libro vengono svelati per la prima volta al pubblico occidentale. Per migliaia di anni i maestri taoisti hanno insegnato questi segreti ai pochi eletti delle corti imperiali e dei circoli esoterici, obbligandoli a mantenerli. Ora, un giovane maestro taoista e sua moglie, essi stessi praticanti questa antica arte del sesso, sentono il bisogno di condividerne la conoscenza con il resto del mondo. Due sono i metodi principali che gli autori insegnano alle donne per coltivare e potenziare la loro energia sessuale. Il primo è la respirazione ovarica, che può abbreviare il ciclo mestruale, ridurne gli effetti dolorosi e accumulare una maggiore quantità di energia vitale (Chi) nelle ovaie, per accrescere la potenza sessuale. Il secondo, la spinta orgasmica verso l'alto, può essere praticato da sole oppure assieme al partner. Appresa questa tecnica, si può provare un orgasmo totale che va al di là del comune orgasmo vaginale, senza tuttavia disperdere l'energia vitale.