Come smettere di procrastinare: la guida definitiva

Non rimandare a domani quel che puoi fare oggi, anche perché sorella morte non rinvia né la data né l’ora che ti ha assegnato! Si, ho usato il termine rimandare, che perlomeno riesce poco ad alimentare i sensi di colpa per le cose non fatte. Ma il termine procrastinare, oltre a essere proprio brutto da sentire e da scrivere, ti penetra nel cervello e ti fa sentire come non vorresti. Ti ricorda che solo tua è la responsabilità di quello che ottieni o non ottieni nella vita. 

SCARICA/STAMPA L’ARTICOLO IN FORMATO PDF

Procrastinare uccideIl tempo ti ripaga (sempre) per come lo occupi. Le energie che investi nel presente ritorneranno a te nel domani.

Ecco perché procrastinare è un’atto inutile capace solo di rubarti tempo prezioso e farti sfuggire le occasioni, o peggio ancora, la vita, trasformandoti in qualcuno quasi punibile dalle leggi degli uomini e molto punibile dalle leggi della natura.

Procrastinare ti trasforma in un temporeggiatore. Ma sfidare il tempo è una partita persa in partenza. Lui non ritorna e tu ti ritrovi con un bel mucchio di mosche in mano!

Molte persone trascorrono la loro intera vita in un’isola fantastica chiamata “Un giorno io farò…” – (Denis Waitley)

Vuoi sapere se sei affetto da questa brutta malattia chiamata procrastinazione? Osserva il tuo comportamento sin dall’inizio della giornata. Quando la mattina suona la sveglia, ti alzi al primo colpo o rimandi? Sei uno di quelli che post pone l’alzata mattutina o si alza scattante e desideroso di godersi un’altra bella giornata? Si, insomma, disciplini la tua mente o ti fai comandare? Perché alla fine è di questo che si tratta.

Se sei fra quelli che non usa sveglie ma si alza da sé, ti faccio i miei complimenti. Raggiungere il pieno controllo del proprio orologio biologico non è da tutti ma allenandosi, allenando la propria mente, tutto è possibile. Ma continua a leggere. Sono sicuro troverai degli ottimi spunti di riflessione. Se sei invece uno di quelli che rimanda, bhe, non rimandare la lettura di questo articolo!

RIMANDARE NEL TEMPO RUBA TEMPO

C’è una parte in noi che sa sempre cosa è meglio fare… e poi c’è n’è un altra che si lascia andare agli agi, alle zone di comfort e a tutte quelle piacevolezze che la vita può offrire. Si, ci sta che ogni tanto ci lasciamo andare, ma se questa deve essere un’abitudine, meglio cambiarla, altrimenti non faremo molta strada. Gli obiettivi si raggiungono lavorando su se stessi prima di tutto. Pensa se un maratoneta dopo il primo affaticamento o indolenzimento muscolare gettasse la spugna… neanche con il binocolo vedrebbe il traguardo!

Ah, ma io sto a letto perché mi piace starci e nessuno mi comanda, tanto meno la mia mente!

superare abitudine procrastinare

Sei sicuro? Questa mi sembra una scusa per non ammettere il fatto di aver perso il controllo di sé. Quando in noi è viva una buona dose di motivazione, ci alziamo contenti di poter affrontare le sfide che la giornata ha in serbo per noi. Ma quando hai qualcosa da fare, hai degli impegni da portare a termine, e rimandi, vuol dire che qualcosa ti è sfuggito di mano. Non credi?

Ma c’è anche chi si riesce ad alzare tranquillamente la mattina ma poi non porta a termine altri compiti durante la giornata. Questo perché alzarsi può diventare tranquillamente una cosa naturale. Qualsiasi azione, protratta per 21 giorni, si trasforma in abitudine. Quindi il fatto di alzarsi non ci peserà più perché sarà un’azione che rientrerà nella nostra zona di comfort… ma fuori da questa zona rimangono ancora un sacco di cose. Tutte quelle cose che ancora rimandiamo.

Qualunque cosa vogliate fare, fatela adesso. I domani sono contati – Michael Landon

I PROBLEMI NON SI RISOLVONO CONGELANDOLI

In Spagna si dice che domani è il giorno più occupato della settimana… forse perché tra un rinvio e l’altro il tempo (presente) se ne va, e domani avremo così tante cose accumulate da fare che non faremo proprio perché sono troppe… e le rimanderemo… è un circolo vizioso che se non viene interrotto ci lascerà veramente con nulla da stringere… e tanto da fare!

Ma uscire da questo circolo non è poi così difficile. Come facciamo a fare qualcosa che non abbiamo voglia di fare? Semplicemente… facendola! Qui sotto ti riporto un efficace piano d’azione per dire addio alla procrastinazione.


BREVE GUIDA PER
IL PROCRASTINATORE


1 – FAI UNA LISTA DELLE COSE DA FARE

come non procrastinareOvviamente in questa lista non scriverai le cose che fai abitualmente. Piuttosto scriverai le cose che dovresti fare e che regolarmente eviti. Non importa che siano impegni grandi o piccoli. L’importante è prendere nota di quelle cose che reputi che debbano essere assolutamente fatte.

Mettere nero su bianco ci permette di fare chiarezza in noi e visualizzando i compiti da portare a termine ci motiviamo per svolgerli. Perché ci motiviamo? Perché una volta svolti ci tirerai sopra una bella linea e la soddisfazione che ne scaturirà ti permetterà di continuare questo gioco per il resto della tua vita! Avrai imparato a schedulare i tuoi impegni, a fare una strategia… e le strategie portate a termine portano risultati. Sempre! Un consiglio: inizia sempre dai compiti più gravosi. In questo modo approcciarsi e fare gli altri sarà una passeggiata 🙂

Nella lista ci sono compiti che non possono essere svolti in una volta sola? Suddividili in più punti, scomponili. Ogni punto sarà come un tassello per completare il puzzle del tuo progetto. Visualizzare il tuo compito come qualcosa da costruire pezzo per pezzo ti permette di ridimensionarlo. Riuscirai così a gestirlo meglio.

2 – FAI I COMPITINI

agisci adesso non rimandareCosa sono i compitini? Sono tutte quelle faccende che richiederebbero non più di qualche minuto per essere fatte. Tipo lavare i piatti, eliminare le erbacce di fronte l’uscio, buttare la pattumiera… Se ti trovi a poltrire e sai che ci sono delle piccole cose che devono essere fatte, ricordati di questa regola: i più grandi cambiamenti iniziano da insignificanti (all’apparenza) movimenti. Svolgendo i compitini stai mandando un chiaro segnale alla tua mente. Le stai dicendo: se tu vuoi poltrire è affar tuo. Io voglio agire perché solo l’azione porta il cambiamento! Questo vuol dire avere il controllo su di sé! Più ti allenerai nei compitini, più la tua mente eviterà di farti permanere nella tua zona di comfort.

3 – NON CERCARE LA PERFEZIONE

non rimandareCercare la perfezione, aspettare il momento opportuno per fare qualcosa, attendere le condizioni ottimali per portare a termine un compito, sono tutte cose/scuse che ti permettono di procrastinare. Se cerchi la perfezione ti ritroverai in un vicolo cieco!

Qualsiasi cosa tu debba fare incominciala. Puoi sempre aggiustarla lungo il cammino. Se ti facessi vedere come appariva questo blog agli inizi ti metteresti le mani nei capelli. Io le ho messe ma non ho trovato nulla 🙂

Iniziare a fare qualcosa ti dà la possibilità anche di capire meglio come la vuoi. Sarebbe assurdo comprare i mobili per una casa senza averla prima visionata! Dovresti magari viverci un po’, capire come gestire gli spazi al suo interno, decidere i colori delle pareti… Inizia prima a scegliere la casa, dopo sceglierai i mobili più appropriati.

4 – FAI UNA COSA ALLA VOLTA

tecnica anti procrastinazione

Concentrati su una cosa alla volta per farla al meglio. Se mentre cucini controlli le notifiche sul telefonino, e magari con un orecchio vuoi anche sentire la bella canzone che passa alla radio, e cerchi anche di dare retta a tuo figlio che si è incastrato un dito nel cassetto… cosa pensi possa uscire fuori da una situazione del genere?

In questo modo disperdi solo energia e ti ritroverai ad aver bruciato il soffritto, il telefonino ci sarà caduto dentro guastandosi irrimediabilmente, la canzone ormai sarà finita e tuo figlio ti denuncerà per omissione di soccorso mostrandoti il suo ditone paonazzo.

Fai una cosa alla volta per essere sicuro di farla come si deve, per raggiungere al meglio gli obiettivi. Sii laser, non lampadina!

5 – MOTIVATI

motivazione contro la procrastinazioneSenza motivazione non andiamo da nessuna parte. E la motivazione viene a mancare soprattutto se non ci sono scadenze in quello che dobbiamo fare. Quindi, se fai fatica a ritrovare la giusta motivazione, promettiti dei premi. Se porterai a termine i compiti prestabiliti puoi regalarti per esempio un’uscita fuori, una pizza, un oggetto della tua lista desideri… ma anche una pausa in cui non fare assolutamente niente. La pausa è rigeneratrice!

Ovviamente il regalo e il compito svolto per riceverlo devono avere un egual valore. Non puoi regalarti un diamante per aver lavato i piatti!?!? Sii onesto con te stesso!

Ma puoi fare anche al contrario: cerca delle punizioni qualora non facessi il tuo dovere. No, niente frustate. Ma puoi decidere di privarti di qualcosa che a te fa piacere nel caso ti ritrovassi a procrastinare. E se vuoi una mano in questo chiedi aiuto a chi ti è vicino. Puoi chiedere al tuo partner di non farti trovare la cena per esempio, oppure puoi dargli 500 euro e dirgli di spenderli nel caso tu non riuscissi a finire i tuoi compiti. Di solito quando c’è il denaro di mezzo le persone diventano più diligenti 🙂

6 – ELIMINA L’INUTILE

raggiungi i tuoi obiettivi e non rimandareFocalizzati sul tuo obiettivo e sii onesto con te stesso. Fai una cernita di tutte le cose che fai, che ti circondano e che occupano la tua testa. Analizzale è chiarisci con te stesso se sono utili ai fini del raggiungimento dell’obiettivo o sono solo un ostacolo. È un po’ come il punto 4: eliminare l’inutile vuol dire ritrovarsi a fare una cosa alla volta per farla al meglio.

Una volta fatta chiarezza in te, elimina tutto quello che non serve. Per scrivere questo articolo, per esempio, ho spento lo smartphone, ho disabilitato la connessione sul computer per non avere distrazioni, mi sono isolato in camera e mi sono concentrato esclusivamente sulla sua stesura. Se avessi iniziato a guardare le notifiche che mi arrivavano, se avessi iniziato a rispondere alle mail in entrata sul computer, se avessi dato retta a mia figlia che voleva disegnare… ora non saresti stato qua a leggere 🙂


SINTONIZZATI PER NON PROCRASTINARE

E per concludere questo vademecum anti procrastinazione ho preparato per te qualcosa di estremamente efficace se abbinato ai suggerimenti che hai appena letto.

Il cervello è un generatore di onde cerebrali, ossia, emana vibrazioni. Ogni pensiero è vibrazione con una sua particolare frequenza che si ripercuote nell’intero organismo e nella realtà circostante. È stato dimostrato che a ogni emozione corrisponde una determinata frequenza. Le onde celebrali cambiano quindi la loro frequenza in base allo stato d’animo in cui ci troviamo.

suono anti procrastinazione frequenze isocronicheMa la cosa meravigliosa è che possiamo indurre il cervello a produrre onde con la frequenza che desideriamo, quindi possiamo condurlo artificialmente nello stato che più ci è utile. Hai mai sentito parlare di frequenze isocroniche?

I toni isocronici sono toni con la stessa intensità e frequenza e hanno la caratteristica di incrementare la loro velocità e le loro pulsazioni, riuscendo così a sincronizzare le onde del cervello attraverso il ritmo. È un tipo di modulazione che aumenta e diminuisce il volume  di un suono su un modello di onda triangolare.

6 aspecto isocronica.pngQualcuno potrebbe pensare che sia l’ennesima trovata new age (e sono stato il primo a pensarlo, devo ammetterlo). Ma, ahimè o per fortuna, non è così. L’utilizzo dei toni isocronici risale al 1839. Lo studio degli effetti dei suoni sulla materia ha origini lontane. Tuttavia soltanto nel 1973 le frequenze isocroniche trovano applicazione nella neuroscienza cognitiva. (leggi anche l’articolo sulla legge del ritmo: 30000 anni fa gli sciamani usavano i suoni per entrare in stati meditativi)

E che ci facciamo noi con sti benedetti toni isocronici?!? Ce li ascoltiamo, è ovvio. E in particolar modo ci ascoltiamo la frequenza a modulazione iscocronica tarata a 179,6 Hz.

Questa frequenza predispone la mente a fermare la procrastinazione, migliora la socializzazione e porta quindi ad avere successo. Non devi far altro che ascoltare, senza giudizio e se vuoi anche senza attenzione. Le orecchie della mente inconscia sono sempre attive. Ti consiglio l’ascolto in cuffia.

TRA UN ANNO VORRAI AVER INIZIATO A LAVORARE OGGI

Abbiamo parlato di abitudini all’inizio di questo articolo? Puoi far tua anche l’abitudine di non procrastinare. C’è qualcosa che devi fare e ancora non hai fatto? Falla adesso! Prendi l’abitudine di agire subito. Se ti alleni ad agire immediatamente ogni qual volta ti viene in mente che c’è qualcosa da fare, sta sicuro che in breve tempo non saprai più cosa vuol dire procrastinare.

esiste solo il presente non procrastinare

La partita che stai giocando nella vita è solo con te stesso. Se la vinci, vinci tutto il resto! Disciplina quella parte di te che vorrebbe rimandare, mettila a tacere e ascolta la tua parte migliore, quella che invece vuole vincere, che non sta a guardare. Quella parte di te che vuole agire, quella affamata e che non si accontenta. Quella che vuole sfruttare appieno il limitato tempo che hai a disposizione in questa vita.

Se dentro te fin’ora hai visto solo le ombre del tuo rimandare, vuol dire che da qualche parte c’è anche la luce del tuo agire. Lasciala uscire. Permettile di migliorarti la vita

Ti auguro una piacevole settimana,
cristiano mocciola blog

Rimani aggiornato con il blog!

Tagged with: ,
Pubblicato su crescita personale, motivazione
6 comments on “Come smettere di procrastinare: la guida definitiva
  1. megbrega ha detto:

    Questo articolo è molto, molto, molto utile! Come altri, l’ho condiviso sulla mia pagina fb. Merita davvero. Grazie Cristiano ti auguro una felice giornata.

  2. Mapy ha detto:

    Mi ricordi un misto tra Robin Sharma e Robert Kiyosaki. 🙂 👍

  3. Mary ha detto:

    Molto interessante il tuo articolo.
    In questi giorni Non sto molto bene fisicamente, mi serve il tuo articolo perché non voglio abituarmi a stare ad oziare 🙂
    Grazie Cristiano
    Buona serata
    Un abbraccio Mary

Fammi sapere qui se ti è piaciuto, Grazie

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...