Forza di volontà sotto i piedi?

Vuoi ma non puoi… e chi ci crede?!? In molti avrebbero voluto ma non hanno potuto. Il detto recita se vuoi puoi, o meglio, volere è potere. Quindi a rigor di logica se non hai potuto qualcosa è perché forse non l’hai voluta veramente. Giusto? C’è un proverbio africano che dice: se una cosa la vuoi, un modo lo trovi, se non la vuoi trovi una scusa. Per cambiare la situazione in cui ti trovi, sempre che tu voglia cambiarla, hai un’unica cosa da fare: cambiare te stesso. Se pensi che sia difficile ti stai sbagliando di grosso. È più facile di quel che sembri ma c’è un’unica condizione: bisogna volerlo! Ci vuole solo un po’ di forza di volontà!

articoli-essere-felici-blog-pdf

E vogliamo continuare con qualche altra frase fatta? A noi maschietti piacciono tanto 🙂 Quando il tuo perché sarà chiaro il come non sarà più un problema, e ancora, se vuoi avere tutte le carte vincenti devi prima farti il mazzo... e potremo continuare così ancora per molto, vero?

Ogni uomo imprime il proprio valore su se stesso.
È la volontà che fa l’uomo grande o piccolo
(Friedrich Schiller)

volere è potereEppure la forza di volontà è continuamente minata alla base dalla pigrizia. Pigrizia che preferiamo camuffare con delle scuse. Quindi con astuzia trasformiamo i nostri non voglio, in non posso, in modo tale da apparire innocenti dinanzi ai nostri occhi e a quelli degli altri.

Già, perché la maggior parte di volte sentiamo indispensabile il dover giustificare le nostre sconfitte personali agli altri inserendoci in una situazione di vittime delle circostanze, poveri ingenui che si son trovati a subire le proprie sfortune rimanendo immobilizzati nella propria condizione. Si, dei martiri insomma…

LA FORZA DI VOLONTÀ È IL CORAGGIO DI CAMBIARE LE COSE

Ma non è così e lo sai bene. SE VUOI PUOI, ribadiamolo. Non ci sono scuse che tengono. Ah, ma io non è che non posso o non voglio, ma se io facessi così poi gli altri bla bla bla, e le conseguenze bla bla bla…. già, dimenticavo, c’è anche chi si cosparge il capo con la cenere dei finti scrupoli. Ma a chi vuoi darla a bere?!? Dì piuttosto che ti manca la voglia e che la tua forza di volontà è finita sotto i piedi. Ecco, questa è una delle prime cose utili da fare: ammettere a se stessi di aver perso la volontà, quindi, una volta individuato il problema, mettersi alla ricerca della soluzione: come posso ritrovare lo sprint necessario per cambiare le cose?

Ma non siamo tutti così, vero? C’è che si alza alle 5:30 del mattino e le cose le cambia, c’è chi non conosce scuse e agisce indipendentemente da ciò che pensano gli altri, c’è chi comprende che l’unica cosa che possa cambiare lo stato attuale delle cose è l’azione.

Agendo cambiamo la nostra energia e inevitabilmente influenziamo l’ambiente circostante. Tutto è energia e tutto si influenza vicendevolmente. Offri energia diversa da quella che abitualmente offri e inevitabilmente la tua condizione cambierà. Cambia te stesso e cambierai la tua realtà. E lo sai che non mi sto inventando niente di nuovo vero? Qualche migliaio di anni fa ci aveva già pensato Ermete a esprimere questo concetto attraverso la settima Legge Ermetica: la Legge di Causa Effetto

Qualsiasi cosa tu voglia, è la fuori che aspetta che tu la chieda.
Qualsiasi cosa tu voglia, ti vuole a sua volta.
Ma devi agire per averla.
(Jack Canfield)

E ora scopriremo quali sono i 3 passi fondamentali per recuperare la nostra forza di volontà, scuoterla per dargli na’ svegliata, e rimetterci in marcia verso i nostri obiettivi 🙂

Il primo passo da fare lo hai letto qualche riga fa…

VEDERE È SAPERE!

Ammettere e accettare

A cosa serve ammettere a se stessi i propri limiti e accettarli? Lascia che ti racconti una storiella e lo comprenderai:

imbarazzanteUn uomo aveva un serio problema: si faceva la cacca addosso. Un problema imbarazzante, sì, ed era deciso a risolverlo quindi si recò dal medico che dopo averlo visitato gli disse: non hai nessun problema fisico, il tuo problema è nella mente. Così l’uomo iniziò ad andare da alcuni specialisti…

Il primo specialista lo tenne in cura diversi anni. L’uomo capì il perché del suo farsela addosso. Ma non risolse il problema. Decise di cambiare specialista.

Il secondo specialista lo tenne in cura per poche ore. L’uomo comprese che era meglio indossare mutande di plastica… ma non risolse il problema. Cambiò specialista.

Il terzo specialista lo tenne in cura il tempo necessario per fargli comprendere se stesso. L’uomo risolse il suo problema: ora non gliene fregava più niente se se la faceva addosso.

Accettare se stessi per come si è e accettare il proprio problema (nel nostro caso la scarsa volontà) ci permette di slegharlo mentalmente da qualsiasi giustificazione. Proprio come per la dipendenza: ammettere di averla, accettarla e abbracciarla, ci permette di sconfiggerla.

E scusami la volgarità, ma sai come si dice, no? I vigliacchi trovano scuse, chi ha le palle chiede scusa… eh si, perché anche a se se stessi si può chiedere scusa e ci si può perdonare.

Non è una vergogna ammettere a se stessi di avere perso la propria forza di volontà. È essere sinceri ed essere sinceri vuol dire essere intelligenti. La sincerità nei propri riguardi è il primo passo per comprendersi. E come diceva Lao Tzu: Chi conosce gli altri è sapiente, chi conosce sé stesso è illuminato.

Ma andiamo avanti…

POTERE È OSARE!

Accettare per cambiare

Essere consapevoli della propria situazione ci permette di capire quale direzione prendere, o per lo meno, ci permette di capire che quella condizione ci è scomoda e non è più adatta a noi. Da qui inizia il viaggio, non importa dove, non importa come, importa solo partire. E la filastrocca che segue è un ottimo punto di partenza…

“Aiuto, sto cambiando” disse il ghiaccio
“Sto diventando acqua, come faccio?
Acqua che fugge nel suo gocciolio!
Ci sono gocce, non ci sono io!”.

Ma il sole disse: “Calma i tuoi pensieri.
Il mondo cambia, sotto i raggi miei:
tu tieniti ben stretto a ciò che eri
e poi lasciati andare a ciò che sei”.

Quel ghiaccio diventò un fiume d’argento
non ebbe più paura di cambiare
e un giorno disse: “Il sale che io sento
mi dice che sto diventando mare.
E mare sia. Perché ho capito, adesso,
non cambio in qualcos’altro, ma in me stesso”.

filastrocca cambiamento

La forza di volontà ti permette di non-resistere ai cambiamenti ma di essere resiliente, di risalire sulla barca, di saltarci sopra, alla ricerca della salvezza (nel suo etimo latino resalio, ovvero l’iterativo di salio, significa saltare) perché sai che questo è l’unico modo per giungere al mare, al tuo mare!

Se ti senti stanco, demotivato, e se la tua forza di volontà è ai minimi storici, forse è perché fin’ora hai cercato di controllare (invano) la vita. Ma la vita non si controlla, semmai ci si accorda ad essa per coglierne la bellezza e per cogliere le opportunità che continuamente ti offre. Quindi, tieniti stretto e lasciati andare alla sua imprevedibilità. Giungerai a destinazione.

OSARE È AVERE!

Se tu cambi cambia tutto

I primi due passi ci sono utili per voltare pagina, per lasciarsi alle spalle ciò che è stato e iniziare a pensare e ad agire per ciò che sarà.

Questo è forse uno degli esercizi più semplici che esistano, ma anche uno dei fondamentali. Di solito lo si insegna ai bambini ma pochi bambini, una volta diventati adulti, continuano a farlo. Il pittore è il quadro è il nome che daremo a questo esercizio, dove il pittore sei tu e il quadro è la vita che dovrai vivere.

tela biancaAllora pittore sei pronto? La tua tela ora è bianca e la ritroverai bianca ogni mattina che ti sveglierai perché ogni giorno è come se fosse una nuova vita e sta a te se renderla colorata, grigia, bella, brutta, opportunità o minaccia.

Cominciamo! Ogni pensiero che farai, che manterrai vivo, a cui dedicherai attenzione consapevole, a cui dedicherai la tua intenzione, questo pensiero andrà a dipingere lo sfondo del tuo quadro, l’ambiente in cui dovrai muoverti, il posto in cui dovrai abitare nelle ore che seguiranno. Quindi, cosa ti conviene pensare? L’aforisma che segue potrebbe essere un buon suggerimento…

Grandi menti parlano di idee,
menti mediocri parlano di fatti,
menti piccole parlano di persone
(Eleanor Roosevelt)

Dove poni l’attenzione lì fluisce la tua energia. E la tua energia, la tua attenzione, è la direzione che stai dando al tuo avvenire. Se perdi tempo a pensare male degli altri, a rimuginare sui torti subiti, a maledire tutto ciò che secondo te non va bene, che tipo di quadro stai dipingendo? Quale luogo ostile stai scegliendo per vivere? Qui sei l’unico responsabile, l’unico che può decidere il proprio futuro. Fai attenzione a ciò che pensi allora perché stai ascoltando!

pennelloBene! Dopo aver fatto lo sfondo puoi proseguire con il resto. Ogni tua parola crea realtà. Il suono delle parole è vibrazione, energia con frequenze diverse da quelle del pensiero ma avente sempre un unico scopo: creare la tua Vita. E questo passo dell’apostolo Giovanni sicuramente ti chiarirà questo concetto:

In principio era il Verbo,
il Verbo era presso Dio
e il Verbo era Dio. 
Egli era in principio presso Dio: 
tutto è stato fatto per mezzo di lui,
e senza di lui niente è stato fatto di tutto ciò che
esiste.

Adesso, non voglio parlarti di Dio, ma voglio fartela semplice. L’universo si espande e si manifesta da sempre e per sempre e tu sei una sua estensione. Tu sei in grado di creare e plasmare realtà, ma per chi credi che tu lo stia facendo se non per lui? L’universo fa esperienza attraverso di te e attraverso di te impara a conoscere se stesso. Egli ti ha dato tutti i mezzi per vivere una grande vita: sfruttali!

Ogni tuo pensiero e ogni tua parola torneranno a te sotto forma di esperienza fisica. Con che sentimento avvolgi i tuoi pensieri e le tue parole? Che emozione stai provando? La stessa emozione si concretizzerà per te offrendoti esperienze utili a riprovare la stessa sensazione. Ciò che è simile si attrae e la tua scelta emotiva sta attraendo il tuo futuro.

Il segreto per ottenere ciò che volete è apprezzare completamente questo momento. Se sentite gratitudine per questo istante, tutto ciò che vi capiterà scaturirà da esso. Sarete ispirati a fare una certa cosa e passerete al punto più in alto; ma per passare al punto più in alto, dovete vivere con gratitudine il momento presente.
(Joe Vitale)

Prima di parlare chiediti sempre: ciò che mi tornerà da quello che voglio dire mi piacerà? Lamentele, insulti, critiche… cosa pensi possano restituirti? Usa parole gentili e gentile sarà la vita con te.

energia positivaL’ultima parte del processo creativo, del nostro esercizio di pittura, è dedicata all’azione. Pensiero e parola si tramutano in gesti. L’azione è sempre frutto di ciò che hai pensato e di ciò che hai detto. Le tue azioni saranno sempre in sintonia con la tua energia. Se dentro te sei pro-positivo e costruttivo, le tue azioni saranno pro-positive e costruttive.

E anche qua non ti sto dicendo niente di nuovo. Il nostro caro Ermete Trismegisto trascrisse tutto nella Legge della Corrispondenza: non puoi pensare di cambiare qualcosa sul piano fisico se prima di tutto non hai cambiato le tue vibrazioni sul piano spirituale.

E ora, dipingi il tuo capolavoro, crea la Vita che meriti! Se vuoi puoi! La volontà di cambiare le cose è coraggio, e il coraggio di scegliere ciò che è giusto per sé è intelligenza che rende liberi.

Iniziando a cambiare ciò che sei, quindi i tuoi pensieri, parole e azioni, anche il resto inevitabilmente cambierà. E vedrai che, con un nuovo quadro dinanzi a te, la forza di volontà magicamente riapparirà. Questa è la forza della positività!

(Lettura consigliata: Il potere dell’intenzione)

Buona Vita 🙂

cristiano mocciola blog

Rimani aggiornato con il blog!

Tagged with: , , ,
Pubblicato su crescita personale, motivazione
6 comments on “Forza di volontà sotto i piedi?
  1. Angela ha detto:

    Grazie Cristiano di avermi ricordato che non bisogna abbattersi e che solo noi stessi possiamo essere artefici di ciò che desideriamo….spesso me ne dimentico e lascio il posto ai “lamenti” inutili!
    Tu non smettere mai di ricordarmelo, può darsi che, prima o poi, capirò dove andare e, soprattutto, comincerò a muovermi!
    Buona giornata!

  2. Heka ha detto:

    Ciao Cri, avevo davvero bisogno di leggerti sai? Grazie per la ventata d’aria fresca che ci regali ogni volta che scrivi, grazie per le “belle vibrazioni” cui risuonano le tue parole! Buone vacanze!

  3. Paola Fortuna ha detto:

    queste parole sono arrivate quando più ne avevo bisogno! Grazie grazie grazie

Fammi sapere qui se ti è piaciuto, Grazie

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Mi presento…
Essere Felici Blog - Cristiano Mocciola

Ciao, sono Cristiano e voglio darti il benvenuto su Essere Felici Blog [MENTE|CORPO|SPIRITO]

essere felici youtube
Gratis per te
ebook crescita personale spirituale
⇓ RISORSE DEL BLOG ⇓
crescita spirituale mente
reprogramming cristiano mocciola
Seguimi su Twitter
⇓ da leggere ⇓

Le abitudini mentali sono il prodotto di tutto quello che nel tempo abbiamo fatto assorbire al subcosciente. La mente inconscia guida la nostra vita, quindi le abitudini governano la nostra esistenza. Tu hai il potere di riprogrammare le tue convinzioni consapevolmente, quindi modificare i tuoi atteggiamenti, la tua energia. Nell'istante che la tua energia mentale e fisica cambia, cambia tutto il resto, perché? Perché sei un essere vibrazionale inserito in un ambiente vibrazionale. Einstein affermava che "tutto è energia", il che vuol dire che tutto e tutti ci influenziamo a vicenda. Cambiando la nostra offerta vibrazionale cambiamo anche le risposte che riceviamo dal mondo esterno. Leggendo questo volume potrai approfondire argomenti quali la Legge dell'Attrazione, le Leggi Ermetiche, PNL, psicoquantistica, spiritualità e renderti conto tu stesso di come tutte queste dottrine conducano a un'unica soluzione. All'interno del libro troverai anche un link che ti permetterà di accedere a un'area riservata. Qui potrai trovare un audio di circa 40 minuti studiato appositamente per facilitare il Reprogramming.